19 settembre 2019

Vittorio Veneto

Don Federico sotto inchiesta con l'accusa di violenza sessuale

La denuncia di tre presunte vittime, che sarebbero state molestate in ospedale durante una visita del parroco

commenti |

VITTORIO VENETO - Don Federico De Bianchi indagato con l’accusa di violenza sessuale. L’indagine è condotta dalla Procura di Treviso, dopo le denunce di alcuni giovani pazienti (tutti maggiorenni) dell’ospedale di Conegliano e Vittorio Veneto. Nosocomi in cui l’ex parroco di Santa Giustina prestava visita ai malati: come riporta la Tribuna, i giovani avrebbero accusato l’uomo di averli molestati, palpeggiandoli nelle parti intime e baciandoli mentre erano distesi sui letti dell’ospedale.

 

Accuse comunque tutte da dimostrare: sul caso indagano gli inquirenti, che vogliono far luce sulle denunce dei ragazzi. Sarebbero tre i giovani coinvolti nella vicenda: le molestie sarebbero avvenute negli ospedali di Conegliano e Vittorio Veneto. Nel novembre scorso il parroco aveva lasciato la parrocchia di Santa Giustina, annunciando il suo addio via Facebook.

 

Quindi l’esperienza a Perugia, presso la Casa dei figli dell’amore misericordioso. “Fra pochi giorni me ne andrò lasciando oltre a qualche buona opera tante chiacchiere sul mio conto, che la plebaglia ciarliera e ignorante si divertirà a fare – aveva scritto sulla sua pagina - Sappiate questo: non sono stato mandato via dal vescovo, non sono pedofilo anche se vado in una comunità che può avere preti con quella problematica”.

 

La notizia dell’indagine che vede coinvolto il parroco si è diffusa invece in questi giorni, molti mesi dopo quel post che aveva fatto tanto discutere. Saranno, come detto, gli inquirenti a far luce sul caso, che per ora rimane al “rango” di inchiesta.

 

Qui la reazione di don Federico: "Sono sereno".

Il commento del vescovo: "Accuse labili"

 

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×