17/08/2018sereno

18/08/2018quasi sereno

19/08/2018sereno

17 agosto 2018

Cronaca

Donna incinta muore insieme al suo bambino dopo un intervento

commenti |

Una donna trentenne al quinto mese di gravidanza è morta oggi insieme al suo bambino nel reparto Maternità dell'ospedale Careggi di Firenze, dopo un intervento chirurgico alla quale era stata sottoposta a causa di complicazioni insorte durante la gestazione.

 

Ne dà notizia la stessa azienda ospedaliero-universitaria toscana, spiegando che "sono in corso le procedure per l'accertamento delle cause dell'evento" da parte dell'Aou e della Regione. Il decesso è subentrato "nonostante l'immediato intervento dei medici presenti in reparto", precisano dall'azienda.

 

La paziente era stata trasferita a Careggi da un altro ospedale fiorentino per "una gravidanza ad alto rischio". La donna era "affetta da diversi giorni da coliche biliari con complicanze al pancreas" e "richiedeva un intervento chirurgico". L'operazione, evento molto raro e complesso in condizioni di gravidanza, è stata regolarmente eseguita nella sala operatoria della Maternità per garantire il massimo controllo e gestione del rischio per la mamma e per il bambino.

 

Il decorso post-operatorio è stato regolare fino alla mattina successiva, quando all'improvviso la paziente ha avuto un arresto cardiaco. Sono state immediatamente attivate le procedure di rianimazione ed è stato praticato un cesareo di emergenza in pochi minuti al letto della paziente. Purtroppo non è stato possibile salvare la né donna né il bambino".

 

Secondo quanto riporta ancora l'Aou, "i familiari hanno dato il consenso all'eventuale donazione degli organi. E' stato immediatamente attivato un approfondimento da parte della direzione, in collaborazione con il Rischio clinico aziendale, e della Regione per le necessarie valutazioni. Non vi sono attualmente certezze sulla causa del decesso, da confermare dopo l'autopsia".

 

La direzione di Careggi e i sanitari della Maternità si dicono "profondamente addolorati per questo evento tragico e si stanno impegnando per accertare le cause e garantire il massimo supporto possibile ai familiari". L'azienda ospedaliera-universitaria di Careggi ha aperto un'inchiesta interna sull'accaduto e ha avverto la Procura della Repubblica.

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×