26/09/2017sereno

27/09/2017quasi sereno

28/09/2017velature sparse

26 settembre 2017

Benessere

Doping: positivi quasi 3 atleti su 100 controllati, report ministero Salute.

AdnKronos | commenti |

Roma, 14 lug. (AdnKronos Salute) - Nel 2016 su 100 atleti controllati 3 sono risultati positivi al doping. E' quanto emerge dalla Relazione annuale di vigilanza e controllo sul doping e per la tutela della salute nelle attività sportive trasmessa dal ministero della Salute al Parlamento. Degli 806 atleti controllati (583 maschi e 223 femmine), infatti, 22 sono risultati positivi ai test antidoping (il 2,7%), con una sostanziale differenza di genere: solo 3 femmine e 19 maschi. L’età media degli sportivi che hanno fatto uso di doping lo scorso anno è di 35,3 anni per gli uomini e 44,4 anni per le donne.

La percentuale più elevata di principi attivi rilevati ai controlli antidoping appartiene alla classe dei corticosteroidi (21,2%), seguiti dagli anabolizzanti (15,2%), infine dai diuretici e da agenti mascherati (15,2%). Tra gli atleti sottoposti a controllo, 597 (74,1% del totale) hanno dichiarato di aver assunto prodotti farmaceutici (compresi i prodotti omeopatici) e prodotti salutistici in genere (vitamine, sali minerali, aminoacidi, integratori) e 209 atleti (25,9%) hanno dichiarato di non aver assunto alcun prodotto.

Nel corso del 2016, gli eventi maggiormente controllati hanno riguardato manifestazioni relative all’atletica leggera (18,5% degli eventi controllati) al calcio (17,9%) ed al ciclismo (16,8%). Quanto alla distribuzione per area geografica delle gare controllate e durante lo svolgimento delle quali sono stati riscontrati atleti positivi, il 50% dei casi è stato rilevato al Sud e nelle Isole, il 31,8% al Nord e il 18,2% al Centro Italia.

 



AdnKronos

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×