16/08/2018quasi sereno

17/08/2018sereno

18/08/2018quasi sereno

16 agosto 2018

Treviso

Dopo gli insulti si ferma al semaforo, il rivale lo tampona di proposito

Poi si è fuggito, ma è stato identificato e denunciato dalla polizia

commenti |

TREVISO – Quel sorpasso forse un po’ troppo azzardato gli è sembrato uno sgarro che non poteva lasciar correre. Tanto che il 40enne di Villorba alla guida di una Jeep ha iniziato ad insultare pesantemente l’automobilista che l’aveva sorpassato, un 62enne al volante di una Volvo, per poi insultarlo pesantemente facendo gestacci.

Non solo, quando il 62enne si è fermato ad un semaforo in viale della Repubblica ed ha tentato di chiedergli spiegazioni il 40enne ha fatto retromarcia, ha spinto sull’acceleratore, l’ha tamponato e quindi è fuggito via.

 

L’uomo alla guida della Volvo è comunque riuscito ad annotare il numero di targa ed ha chiamato immediatamente la polizia.

Gli agenti hanno identificato poco dopo il proprietario della Jeep, scoprendo che la patente gli era stata revocata nel 2011. Per lui è quindi scattata una denuncia per danneggiamento aggravato e guida senza patente.

 

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

immagine della news

15/11/2017

Insulti a Bebe, c'è un indagato

Nei guai un 50enne di Preganziol: sarebbe stato individuato dopo le indagini dei Carabinieri iniziate lo scorso giugno

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×