23/11/2017coperto

24/11/2017foschia

25/11/2017pioggia

23 novembre 2017

Conegliano

Dopo la morte dell’anziano, badante cerca di farsi intestare casa, auto e soldi

Aveva falsificato il testamento e prelevato parte dei risparmi in banca

commenti | (2) |

SUSEGANA – Un badante rumeno di 54 anni è stato denunciato dai carabinieri per appropriazione indebita e falso in scrittura privata.

L’uomo, alla morte del 72enne di Susegana che assisteva, avvenuta a novembre scorso, avrebbe falsificato il suo testamento nel tentativo di farsi intestare la sua casa e l’auto.

Puntava anche ai soldi che aveva in banca, dove c’erano 80mila euro.

Era già riuscito a prelevarne 20mila, ma grazie alla segnalazione ai carabinieri da parte della direttrice della banca, che aveva fiutato qualcosa di sospetto, si è riusciti a bloccarlo.

Dopo la denuncia dell’uomo alla Procura, il gip ha disposto il sequestro dei beni dell’uomo, ora affidati al sindaco di Susegana.

 

Leggi altre notizie di Conegliano

Commenta questo articolo


Ma mi spiegate com'è possibile che si verifichino casi come questi, quando in presenza di eredi legittimi ci sono banche che bloccano tutti i conti per anni, e costringono a fare dichiarazioni giurate di successione in atto notorio per sbloccare i conti, costringendo le vedove a farsi pagare per anni le bollette da altri, e la banca di questo episodio permetteva i prelievi al badante, probabile tutore di un defunto senza eredi?
Se poteva prendere i soldi era legittimato, se non era legittimato era un truffatore.
Ma allora, mondo infame, perchè la "mia EX" banca era differente?

segnala commento inopportuno

siamo invasi da queste persone disoneste, arrivate quì solo per far soldi e organizzare truffe e altro...........

segnala commento inopportuno

Leggi altre notizie di Conegliano

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.925

Anno XXXVI n° 20 / 16 novembre 2017

VIGNETI E FITOFARMACI

“I pesticidi ci stanno uccidendo”. A Cappella Maggiore, due morti e sei malati di tumore in una strada: tra i vigneti e i campi, la malattia dilaga. E i cittadini denunciano

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×