25/09/2017quasi sereno

26/09/2017quasi sereno

27/09/2017quasi sereno

25 settembre 2017

Ambiente

Dopo Olanda e Spagna, anche in Italia la Dichiarazione dei diritti del ciclista urbano.

AdnKronos | commenti |

Roma, 11 set. - (AdnKronos) - Tutti devono poter andare in bicicletta. E’ l'assunto fondamentale che apre la Dichiarazione dei diritti del ciclista urbano e del cicloturista che sarà presentata il 15 settembre a Pesaro da Legambiente in occasione della prima giornata del summit di Rete Mobilità Nuova e che prende spunto dalla "The Amsterdam Declaration: the right to use the Bicycle" del 2000 e dalla "Declaraciòn de Sevilla sobre el uso de la bicicleta como medio de transporte saludable, ecológico y sostenible" del 2009.

La dichiarazione punta alla nascita di una Rete di Città Ciclabili Italiane e, in collaborazione con i Comuni e le istituzioni che la sottoscriveranno, alla definizione di una serie di azioni in grado di far crescere il numero di utenti della bicicletta in ambito urbano e il cicloturismo. I firmatari si impegneranno a definire, entro la fine del 2017, i propri obiettivi per il 2018 e per il triennio successivo.

Cosa prevede la Dichiarazione? Oltre al primo diritto, fondamentale universale, il testo impegna le città a dotarsi di una rete di percorsi ciclabili sicuri e accessibili, percorribili tutto l’anno e con qualsiasi condizione meteorologica, con standard qualitativi elevati, capaci di neutralizzare potenziali conflittualità con gli altri utenti della strada.

E ancora: la realizzazione di aree con limite di velocità per veicoli a motore a 30 km/h; creazione di nuovi spazi ciclopedonali; garanzie di sicurezza per bici e pedoni nelle intersezioni con la viabilità motorizzata riducendo così le discontinuità della rete ciclabile che disincentivano l’uso della bici o addirittura mettono a repentaglio la sicurezza di chi pedala; ottimizzare l’intermodalità; realizzare soprattutto nei pressi di stazioni, scuole e università, grandi spazi culturali e sportivi, dei 'cicloparcheggi' custoditi dove siano presenti anche officine per la riparazione delle biciclette.

A città, regioni e ministeri competenti viene chiesto di collaborare alla definizione e all’implementazione di due strategie nazionali: una che favorisca l'uso della bicicletta come mezzo di trasporto urbano, vincolando i comuni a raggiungere precisi target di crescita per gli spostamenti a piedi, in bici e con il trasporto pubblico; l'altra dedicata al cicloturismo, che punta alla qualità dei tracciati già inseriti nella rete delle ciclovie nazionali e alla differenziazione delle azioni da mettere in campo per incentivare al meglio le diverse tipologie di turismo in bici e in e-bike.

In materia di ciclovie (che devono essere fruibili da bambini, utenti inesperti e persone con ridotta o impedita capacità motoria) la dichiarazione mette in primo piano la sostenibilità economica e ambientale, che significa utilizzare al meglio le infrastrutture disponibili per minimizzare costi e impatto ambientale, e attenzione ai collegamenti con le reti di trasporto, in particolar modo quelle su ferro, un forte carattere identitario.

Nella Dichiarazione dei diritti del ciclista urbano e del cicloturista, la realizzazione di infrastrutture per la ciclabilità e per la mobilità in genere si affianca a una trasformazione dello spazio pubblico e della sua destinazione d’uso in un'ottica di rigenerazione urbana.

 



AdnKronos

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×