23/10/2018sereno con veli

24/10/2018sereno con veli

25/10/2018parz nuvoloso

23 ottobre 2018

Montebelluna

Dopo lo sterco sul sagrato della chiesa, nuovo blitz degli animalisti contro il parroco di Cusignana

Posizionato un manifesto sulla statua del Gesù nel piazzale della chiesa

commenti |

GIAVERA DEL MONTELLONuovo blitz di aderenti a Centopercentoanimalisti contro il parroco di Cusignana. A fine agosto, insieme a loro manifesti avevano lasciato anche sterco di cavallo sul sagrato della chiesa. Ora, invece, hanno appeso un manifesto ad una mano della statua di Gesù nel piazzale. Il motivo è sempre lo stesso: sapere cosa intenda fare la parrocchia riguardo il cavallo che in genere viene messo in palio durante la sagra.

 

“Neppure dopo l’ultima, ‘profumata’ visita di Centopercentoanimalisti, don Dioniso, parroco di Cusignana, si è deciso a far conoscere le proprie intenzioni riguardo la cavalla messa come premio nella lotteria della sagra paesana – l’attacco dell’associazione -.  A noi, come già scritto, del suo perdono importa niente: non abbiamo nulla da farci perdonare, quando difendiamo gli animali”. 

 

“Vorremmo invece sapere le sue intenzioni: proprio perché mancano parecchi mesi all’evento, nel caso il prete decidesse di mantenere un animale come oggetto-premio, intendiamo proseguire con azioni volte farlo ragionare – avvertono -. Gli animali non sono merci od oggetti: bisogna evolversi, don Dioniso.  Nella notte tra il 9 e il 10 ottobre, militanti del nostro movimento sono tornati a Cusignana ed hanno appeso un manifesto sulla mano del Gesù nel piazzale della chiesa, per ricordare al parroco che Centopercentoanimalisti non molla”.

 

Leggi altre notizie di Montebelluna

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.944

Anno XXXVII n° 18 / 18 ottobre 2018

UNA FAMIGLIA SPECIALE

La famiglia speciale di Susanna e Tarcisio, che hanno accolto in casa Lucio e Antonio, gemelli cerebrolesi, Linda, neonata disabile, Eleonora, Manuela e Marco, facendoli diventare loro figli. Nonostante ne avessero già quattro…

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×