17/10/2017sereno con foschia

18/10/2017nebbia e schiarite

19/10/2017sereno con foschia

17 ottobre 2017

Vittorio Veneto

Drappo rosso sulla croce del Monte Altare: "Non vogliamo sembrare bolscevichi mangiapreti"

La denuncia di Bastanzetti del Sac, che ne chiede la rimozione. Era stata messa il 1 maggio

Roberto Silvestrin | commenti |

VITTORIO VENETO - Spunta un drappo rosso sulla croce del Monte Altare, e c’è chi ne chiede l’immediata rimozione. Si tratta di uno striscione rosso “collocato da mani ignote, e molto maleducatamente, all’alba del 1 maggio”, denuncia Michele Bastanzetti del Sac.

 

L'atto è stato interpretato come un segnale politico, visto che la bandiera è stata posta sulla croce proprio nel giorno della Festa dei Lavoratori.

 

Il portavoce ha scritto al vicesindaco Alessandro Turchetto, che ha il referato alla Polizia locale, per chiedere che venga rimossa la bandiera rossa: “E’ ben visibile dal centro città, e tanto più nell’imminenza della Adunata del Piave, che porterà molti visitatori, non vorrei che dessimo l’impressione di essere una città di bolscevichi mangiapreti” scrive Bastanzetti.

 

L’invito rivolto a Turchetto riguarda anche la necessità di restaurare la croce, compresa la linea elettrica pericolante che la illumina.

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×