26/03/2017rovesci e schiarite

27/03/2017sereno

28/03/2017sereno

26 marzo 2017

Droga: studio, per chi fuma cannabis aumenta il rischio di infarto.

Washington, 20 mar. (AdnKronos Salute) - Per chi fuma regolarmente cannabis aumenta drammaticamente il rischio di infarto. Ricercatori americani hanno scoperto che, in un periodo di 5 anni, i regolari utilizzatori di cannabis sui 30 anni avevano 4,6 volte più rischi di incappare in una malattia cardiaca rispetto ai coetanei non fumatori. E il pericolo di infarto è risultato 3 volte più elevato per i ventenni. Il lavoro, firmato dagli studiosi della Case Western University di Cleveland, è stato analizzato al termine del meeting dell'American College of Cardiology, appena concluso a Washington.

Gli studiosi hanno esaminato i dati sanitari di 210 mila fumatori di cannabis, confrontandoli con quelli di 10 mln di non fumatori. Così hanno notato che i primi tendono ad avere più spesso dei secondi pressione alta, a fumare tabacco e a soffrire di diabete di tipo 2. Tutti fattori che aumentano il rischio di infarto.

"Fino ad ora ci sono state poche ricerche su questo tema - commenta Tarek Chami, primo autore dello studio - questo è il primo passo per saperne di più sull'effetto della cannabis sul sistema cardiovascolare".

 



AdnKronos

Loading...

Commenta questo articolo



vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Zaia annuncia la manovra sull'Irpef per la Pedemontana Veneta. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.909

Anno XXXVI n° 5 / 16 marzo 2017

MENINGITE. DOBBIAMO AVERE PAURA?

Perché la meningite non è un incubo. Tanti buoni motivi per non creare un falso allarme. Benazzi: “Il numero dei malati è nella norma”. Il metodo - prevenzione (cioè il vaccino) funziona sempre

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×