11 dicembre 2019

Conegliano

Due dipendenti Sirti muoiono per arresto cardiaco, "Si faccia chiarezza"

I dipendenti chiedono che venga avviata un'indagine in merito

commenti |

commenti |

Due dipendenti Sirti muoiono per arresto cardiaco,

MARENO DI PIAVE - Sono morti a distanza di pochi mesi, per arresto cardiaco, due dipendenti del gruppo Sirti, leader nel settore delle installazioni e manutenzioni delle reti telefoniche in Italia. Marco Peressini e Giulio Bonesso, entrambi di 56 anni, si sono spenti improvvisamente ad aprile e a settembre. Entrambi lavoravano per la Sirti, uno per la sede di Basiliano e uno per quella di Mareno, come “giuntisti”, specialisti nella giunzione dei fili di rame e fibra ottica. Le due morti hanno insospettito i dipendenti della Sirti, preoccupati che i decessi siano collegati al lavoro. Per questo hanno chiesto che venga fatta chiarezza in merito.

 

“Da un’indagine empirica - riferisce in una nota Augustin Breda, del direttivo nazionale Fiom - su 10 giuntisti della sede di Basigliano almeno quattro con età superiore ai 50 anni hanno significative alterazioni al sistema cardiaco, con fibrillazioni atriali, blocco di branchia destra, pressione alta e altre disfunzioni. Gli altri giuntisti “sani” sono più giovani anagraficamente e di età lavorativa. Mentre nella sede di Mareno di Piave su 8 giuntisti, di cui 4 oltre i 50 anni, tutti e quattro hanno problemi cardiovascolari anche gravi e altre disfunzioni fisiologiche importanti”.

 

“Si è radicata tra i colleghi una fondata sensazione che possa esservi un collegamento tra l’attività, le vibrazioni e lo stato di salute collegato al loro lavoro”, spiega Breda. “ Ora, dopo le preoccupazioni emerse tra i lavoratori successive alla morte dei colleghi e le “sollecitazione” esercitate verso i responsabili della sicurezza della Società, potrebbe arrivare una revisione di tali valutazione da parte dell’azienda - conclude Breda - Una attenzione che i lavoratori della Sirti vorrebbero anche come atto dovuto ai due operai recentemente deceduti”.

 

Leggi altre notizie di Conegliano
Leggi altre notizie di Conegliano

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×