24/09/2017temporale e schiarite

25/09/2017quasi sereno

26/09/2017quasi sereno

24 settembre 2017

Treviso

Due studenti trevigiani alle Nazioni Unite

Caterina e Marco a scuola di diplomazia al Palazzo di Vetro di New York

Isabella Loschi | commenti |

TREVISO - Due studenti trevigiani alle Nazioni Unite. Caterina Cappeller della seconda N del liceo scientifico Da Vinci e Marco Sciarrini della quinta E del liceo classico Canova sono stati selezionati per la sessione 2017 del “Change the World Model Un New York” che si sta svolgendo in questi giorni a New York. Caterina e Marco partecipano assieme ad altri circa 2.000 studenti provenienti da oltre 100 paesi differenti, in qualità di ambasciatori designati alle Nazioni Unite, in rappresentanza degli stati membri nonché in qualità di ministri e premier nelle simulazioni del G8, G20, World Bank e Fondo Monetario.

I due studenti trevigiani interpretano, attraverso il role-playing game, la rappresentanza diplomatica dello Zimbabwe, cercando di difendere e promuovere le idee e le linee politiche del paese africano. L’obiettivo del gioco di simulazione è la redazione e l’approvazione delle risoluzioni Onu, attraverso una costante negoziazione internazionale fra delegati dei 193 Stati membri.

Tutti i lavori della conferenza si tengono esclusivamente in lingua inglese. “E’ un’esperienza unica - hanno raccontato i due ragazzi da New York- ci offre la possibilità di confrontarci con coetanei provenienti da tutto il mondo, con culture ed esperienze diverse. Soprattutto abbiamo concretamente sperimentato le modalità con cui si assumono le decisioni più importanti che riguardano il pianeta e il nostro futuro”.

La cerimonia di inaugurazione di Change the World, ha rappresentato il momento più coinvolgente per i partecipanti, e si è svolta nella sala dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, al Palazzo di Vetro di New York. Tra gli ospiti e testimonial il professor Lucio Caracciolo (direttore di Limes), le campionesse olimpica e paralimpica Tania Cagnotto e Bebe Vio, mentre alla cerimonia finale è prevista la presenza del Ministro degli Esteri, Angelino Alfano.

 



Isabella Loschi

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×