18/07/2018sereno

19/07/2018quasi sereno

20/07/2018quasi sereno

18 luglio 2018

Valdobbiadene Pieve di Soligo

Ecco dove trovare tutti i Panevin di Sernaglia della Battaglia

commenti |

panevin sernaglia della battaglia 2018

SERNAGLIA DELLA BATTAGLIA - Un “Panevin” autorizzato per ogni frazione. Sono stati definiti i falò propiziatori che potranno essere accesi in deroga al regolamento di Polizia rurale la sera di venerdì 5 gennaio 2018, nell'ottica di contemperare la tradizione popolare con le misure anti inquinamento da polveri sottili.

 

L'ordinanza sindacale 58/2017 ha concesso l'accensione di quattro Panevin il 5 gennaio: sono quelli di Sernaglia nel piazzale di viale Rimembranza, di Fontigo (impianti sportivi di via Capitello), di Falzè di Piave (parco del Pedrè, in via Piave) e di Villanova, in un fondo agricolo di via dei Buschè.

 

Sarà inoltre autorizzata l'accensione di un falò il 17 gennaio 2018 in via Fossaloi a Falzè per la ricorrenza di Sant'Antonio Abate. I tradizionali falò epifanici dovranno avere caratteristiche ben precise: anzitutto un carattere collettivo e aggregativo, opportunamente divulgato al pubblico; un'altezza massima del cumulo di 5 metri, un diametro massimo alla base di 5 metri o comunque una superficie d'ingombro equivalente (20 metri quadrati), un utilizzo esclusivo di ramaglie e legno vergine secchi con basso contenuto di umidità (per limitare la fumosità) e privi di fogliame e/o aghi. I Panevin, infine, dovranno essere gestiti secondo le prescrizioni impartite nel 2013 dalla Questura di Treviso in materia di accensioni pericolose (articolo 57 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza).

 

Una copia di tale provvedimento è stata inviata nei giorni scorsi dall'Amministrazione comunale agli organizzatori dei Panevin autorizzati: Pro Loco di Sernaglia, Asd Fontigo, circolo Il Pedrè e Festeggiamenti Villanova. “I falò della vigilia dell'Epifania sono una delle più antiche tradizioni della nostra terra – afferma il sindaco Sonia Fregolent – costituiscono un momento di socialità che vede la comunità riunirsi intorno allo stesso fuoco e come tali meritano di essere difesi e sostenuti.

 

Queste considerazioni andavano bilanciate con la necessità di migliorare la qualità dell'aria fatta presente da vari enti. Da qui la nostra decisione di limitare le accensioni del 5 gennaio ai soli falò tradizionali, collettivi e aggregativi, vietando gli altri”. La mancata osservazione delle prescrizioni contenute nell'ordinanza 58/2017 è punita con la sanzione amministrativa pecuniaria da 80 a 500 euro di cui all'art. 54 del regolamento di Polizia rurale.

 

La reiterazione di infrazioni alla stessa ordinanza costituisce recidiva ed è punita con il massimo della sanzione amministrativa prevista.

 

Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Dello stesso argomento

immagine della news

04/01/2018

Crociata contro i Panevin abusivi

Il sindaco di Roncade Pieranna Zottarelli autorizza solo cinque falò controllati, ma Meolo non pone vincoli. E dice: “Se il mio vicino accende una sigaretta, anch’io respiro il suo fumo”

immagine della news

03/01/2018

Oderzo, ecco tutti i Panevin

Si comincia venerdì sera nelle frazioni. Sabato il falò del capoluogo lungo il Monticano. Si chiude il 13 gennaio a Rustigné

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.939

Anno XXXVII n° 13 / 5 luglio 2018

MOLLO TUTTO E VADO A VIVERE NELLA FORESTA

Christian Corrocher ha lasciato Conegliano, sua città natale, per andare a vivere nella foresta Amazzonica. Per anni ha mangiato solo pesce e yucca ed è vissuto senza elettricità, né acqua corrente. Questa è la sua storia

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×