21/10/2017coperto

22/10/2017pioggia debole

23/10/2017sereno con veli

21 ottobre 2017

Cultura

Ecco i Giorni della Merla: perché si chiamano così

commenti |

Ecco arrivati i fatidici Giorni della Merla. Tradizione vuole che 29, 30 e 31 gennaio siano conosciuti con questo nome e considerati uno tra i periodi più freddi dell'inverno.

 

Ma dove nasce questa leggenda? Diverse le versioni che ne raccontano l'origine. Secondo una di queste, in tempi - appunto - leggendari, "gennaio non aveva ancora 31 giorni ma solo 28". Invidioso di una Merla "molto ammirata per il suo grande becco giallo e per le penne bianchissime", "si divertiva a tormentarla" con bufere di neve e vento. Stufa di tutto questo, un giorno la Merla andò da gennaio e chiese: 'potresti durare un po' di meno?'. Ma l'orgoglioso gennaio rispose: 'carissima, proprio non posso'". L'anno seguente la Merla "fece una bella scorta di cibo che infilò nel suo nido, rimanendo per tutti i 28 giorni al riparo senza bisogno di uscire".

"'Quest'anno sono stata proprio bene, sempre al calduccio, e tu non hai potuto farmi congelare il becco nemmeno un giorno'". Così gennaio andò dal fratello febbraio, che aveva 31 giorni, e gliene prese tre. "'Cosa vuoi farne?' - racconta ancora la leggenda - e gennaio rispose 'vendicarmi di una Merla impertinente'. Così tornò sulla terra e scatenò una tremenda bufera di neve che durò per tutti i 3 giorni".

"La povera Merla, andata in giro a far provviste, per il forte vento non riuscì a tornare al suo nido. Trovato il comignolo di un camino, vi si rifugiò in cerca di un po' di tepore. Trascorsi quei tre freddissimi giorni uscì dal comignolo sana e salva ma le sue candide penne erano diventate tutte nere a causa di fumo e fuliggine". Ecco perché, "da allora gennaio ha sempre 31 giorni e i merli hanno sempre le piume nere".

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×