26/09/2017sereno

27/09/2017quasi sereno

28/09/2017velature sparse

26 settembre 2017

Esteri

Egon, la tempesta di ghiaccio manda in tilt l'Europa

commenti |

Una tempesta di ghiaccio sta sferzando l'Europa occidentale, causando interruzioni di corrente in molte case, abbattendo gli alberi e interrompendo alcuni servizi ferroviari.

In Francia, la mancanza di elettricità ha interessato più di 237.000 case, con forti venti che hanno sferzato tutta la Normandia e le regioni a nord di Parigi, raggiungendo anche i 146 chilometri all'ora. Una donna è morta a Saint-Jeannet, nella Francia sud-orientale, quando un albero le è caduto addosso, schiacciandola. La tempesta, soprannominata 'Egon', poi ha colpito la Germania meridionale, soprattutto Renania-Palatinato e nord della Baviera, causando interruzioni di corrente e incidenti diffusi. Il vento e la neve hanno costretto l'aeroporto di Francoforte alla cancellazione di 125 voli. Mentre la Deutsche Bahn ha limitato la velocità dei treni a 200 km orari, causando ritardi e disagi agli utenti. Tre automobilisti sono invece morti a causa di incidenti in Baviera.

Evacuazioni di massa sono in corso sulla costa orientale dell'Inghilterra, in particolare a Norfolk, Suffolk, Essex Lincolnshire, dopo che il servizio meteorologico ha avvertito sui rischi di inondazione. Secondo il sito della Bbc, sono migliaia le case che rischiano di venire allagate. Allertati anche i residenti delle coste belghe. Finora l'ondata di freddo in Europa ha provocato oltre 65 morti, per la maggior parte migranti e persone senza fissa dimora.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×