16/10/2018nuvoloso

17/10/2018pioviggine

18/10/2018parz nuvoloso

16 ottobre 2018

Ciclismo

El Diablo arriva a Valdobbiadene

Claudio Chiappucci al via alla Prosecco Cycling che domenica 9 settembre porterà duemila ciclisti provenienti da tutto il mondo a sfilare nel cuore delle colline trevigiane

Altri Sport

Prosecco Cycling

VALDOBBIADENE - “El Diablo” torna a pedalare nella terra del Prosecco. Fra i duemila partecipanti alla Prosecco Cycling che domenica 9 settembre – con partenza alle 8.10 da Piazza Marconi a Valdobbiadene - sfileranno nel cuore delle colline trevigiane ci sarà anche un grande ex: Claudio Chiappucci.

Il popolare “El Diablo, 55 anni, vincitore della Milano-Sanremo del 1991, di tre tappe al Tour de France e una al Giro d’Italia, era stato ospite della Prosecco Cycling nel 2017, raccogliendo grandi applausi per carisma e simpatia.

Le colline del Prosecco l’hanno conquistato. E alla Prosecco Cycling, lui che ormai intende il ciclismo come puro divertimento, ha trovato un clima diverso dalle altre granfondo. A partire dal particolare format di corsa, con classifiche individuali e a squadre che privilegiano il divertimento e la compattezza dei team. E così ha deciso di tornare a Valdobbiadene.

Al fianco di Chiappucci, sulla linea di partenza della Prosecco Cycling ci sarà anche il presidente di Villa Sandi, Giancarlo Moretti Polegato, accompagnato dalla moglie Augusta.

“La Prosecco Cycling – spiega Giancarlo Moretti Polegato - è una ricorrenza a cui non so rinunciare, una felice abitudine che si rinnova di anno in anno. Come azienda sono orgoglioso di sostenere questa bellissima manifestazione che attrae atleti da tutto il mondo e aiuta a far conoscere e amare maggiormente il territorio e le colline di Valdobbiadene. Come ciclista, mi piace pedalare e immergermi tra le vigne del Prosecco in una gara che si svolge nei giorni della vendemmia: è un’esperienza sensoriale unica che non ha eguali, non solo per gli appassionati delle due ruote. E da quest’anno, per chi lo desidera, sarà anche possibile sorvolare in elicottero le vigne e godere di una vista mozzafiato che speriamo possa essere riconosciuta anche dall’Unesco come patrimonio dell’umanità”.

Attesi al via anche Marco Saligari, altro ex ciclista professionista, commentatore tecnico Rai al Giro d’Italia, e diversi tra manager e imprenditori: i fratelli Cristiano e Danilo De Rosa, in rappresentanza della storica azienda di produzione di biciclette di Cusano Milanino. E poi ancora: Alessandro e Ado Fassina, figli dell’ex campione di rally, Tony, Stefano Maccan (Friul Intagli), Alessandro Colledan (Ideagroup), Gianfranco Scola (Ama Crai Est), Gianandrea De Bernardis (Cerved Company), Andrea Cipolloni, Mauro Benetton.

La bicicletta è una passione che contagia sempre più manager e imprenditori. La Prosecco Cycling ne è un esempio. E l’atmosfera internazionale che si respirerà domenica a Valdobbiadene sarà un motivo di richiamo di più per tanti appassionati.

In prima fila pure Mike Ramseyer, manager britannico nel campo della comunicazione che nell’estate del 2016 fece parlare di sé per aver portato, in bicicletta, una bottiglia di Prosecco Villa Sandi da Crocetta del Montello a Londra. E Cesare Einaudi, l’alpino piemontese a cui la Prosecco Cycling ha regalato una preziosa bici d’epoca De Rosa dopo che la sua era stata rubata in occasione dell’Adunata di Treviso.

Venerdì 7 settembre, nella splendida cornice della Tenuta Villa Sandi, alle porte di Valdobbiadene, l’apertura della segreteria di gara: alle 14 inizierà la distribuzione delle buste tecniche e dei pacchi gara, che proseguirà per tutta la giornata di sabato 8 settembre. Il conto alla rovescia ha proprio inizio.

 

Commenta questo articolo


Le società Sportive

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.944

Anno XXXVII n° 18 / 18 ottobre 2018

UNA FAMIGLIA SPECIALE

La famiglia speciale di Susanna e Tarcisio, che hanno accolto in casa Lucio e Antonio, gemelli cerebrolesi, Linda, neonata disabile, Eleonora, Manuela e Marco, facendoli diventare loro figli. Nonostante ne avessero già quattro…

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×