28/06/2017temporale forte

29/06/2017parz nuvoloso

30/06/2017parz nuvoloso

28 giugno 2017

Mogliano

Emergenza povertà: «L'amministrazione tace»

L'ex assessore Lucia Tronchin all'attacco dell'Amministrazione comunale: «Dati Istat allarmanti»

commenti |

MOGLIANO - «Mogliano è forse un’isola felice? Dove sono le politiche per le emergenze abitative?». Lo domanda l’ex Assessore al Sociale Lucia Tronchin (nella foto).

 

«L’Istat ci dice – afferma la Tronchin – che in Italia le famiglie in povertà assoluta sono 1.582.000 e che le persone in povertà relativa sono 4.598.000. Il dato ci dice che c’è un notevole incremento della povertà rispetto al 2015 che colpisce anche il Nord».

 

«Questi dati dovrebbero mettere la questione del sociale tra le priorità non solo del governo nazionale, ma anche delle amministrazioni locali. Il dibattito politico sembra che abbia dimenticato, anche nel nostro Comune, la questione sociale».

 

Tronchin invita i rilevatori dell’Istat a prendere come esempio l’Amministrazione moglianese: «Dove sono gli interventi per l’emergenza abitativa, per il lavoro e per la varie situazioni conosciute e che si creano a causa della perdurante crisi economica?  Gli interventi per le famiglie?

 

Visto che l’Amministrazione tace su questi scottanti argomenti ne deduco che forse a Mogliano tutto è stato risolto. Forse Mogliano è proprio l’unica isola felice in Italia». 

 

Gianfranco Vergani

 

Commenta questo articolo


Loading...

Dello stesso argomento

immagine della news

08/05/2017

"Erba alta nelle rotonde"

Lucia Tronchin (FI) segnala il pericolo per la viabilità: "Perché non far tagliar l'erba ai profughi?"

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.916

Anno XXXVI n° 12 / Giovedì 22 giugno 2017

C'ERA UNA VOLTA VIA CAPRERA

Lo sceriffo Gentilini ce l’ha ancora nel cuore. Tanto da prendere carta e penna e scrivere al Quindicinale. Per far memoria di una strada che era “centro commerciale urbano”. Dove si trovava il cementista, lo zoccolaio, lo stradin, l’osteria col servizio di carrozze....

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×