23/07/2017quasi sereno

24/07/2017temporale e schiarite

25/07/2017possibile temporale

23 luglio 2017

Benessere

Enpam e Andi insieme contro i falsi miti dell'igiene orale.

AdnKronos | commenti |

Roma, 20 mar. (AdnKronos Salute) - Lavarsi i denti subito dopo aver mangiato, sciacquarsi la bocca con l'acqua per liberarsi dal dentifricio e bere succhi di frutta pensando che siano meno dannosi delle bibite gassate: comportamenti diffusi, ma sbagliati. Per contribuire a sfatare i falsi miti sull'igiene orale e offrire ai cittadini indicazioni corrette, Andi (Associazione nazionale dentisti italiani) e la sua Fondazione hanno organizzato a Roma presso la sede dell'Enpam (Ente nazionale di previdenza e assistenza dei medici e degli odontoiatri) un incontro per lanciare il messaggio 'Vivi sano. Mantieni la tua bocca in salute', in occasione della Giornata mondiale della salute orale.

Nel corso dell'evento sono stati presentati i risultati di uno studio della Fdi-World Dental Federation, condotto in 12 Paesi su un campione di oltre 12 mila persone, per scoprire cosa sa la popolazione della salute orale e quali regole di comportamento adotta, così da sfatare le false credenze più diffuse. Insieme ai rappresentanti di Fondazione Andi e Fondazione Enpam, all'iniziativa sono intervenuti anche rappresentanti del Cenacolo odontostomatologico italiano (Coi-Aiog), della Società italiana di patologia e medicina orale (Sipmo), della Commissione Albo odontoiatri (Cao) e dell'Università Sapienza di Roma.

Per il 56% degli intervistati - emerge dalla ricerca - lavarsi i denti appena finito di mangiare è una buona pratica; al contrario, gli esperti raccomandano di aspettare almeno 30 minuti dopo ogni pranzo prima di prendere in mano lo spazzolino. Ancora: il 68% si sciacqua la bocca con l'acqua per togliere il residuo di dentifricio credendo di far bene, ma anche questo è un comportamento scorretto; l'indicazione è infatti di evitare il risciacquo con l'acqua, limitandosi a sputare il dentifricio in eccesso, perché in questo modo la massima esposizione al fluoro è assicurata. Infine, il 36% pensa che i succhi di frutta siano meno dannosi delle bibite gassate, invece entrambi hanno un livello di zuccheri elevato e possono essere causa di carie, avvertono i dentisti.

Lo studio della World Dental Federation rileva che soltanto il 28% degli intervistati ha riconosciuto che per preservare la salute orale è importante bere alcol in maniera moderata. Il 66% sa di dover evitare il fumo se non vuole avere problemi di salute orale e il 69% riconosce che consumare un consumo eccessivo di zuccheri è dannoso per la salute. Il 77% del campione sa che è una buona abitudine fare una visita odontoiatrica una volta l'anno, ma poi solo il 52% dichiara effettivamente di farlo. Per il 67% della popolazione presa in considerazione dalla ricerca è evidente che ci si debba sottoporre a visita del dentista dopo aver evidenziato segnali di cattiva salute orale; solo il 42%, però, dopo averlo fatto segue le indicazioni dell'odontoiatra.

"Una buona salute orale è molto più di un bel sorriso - dichiara Giovanni Evangelista Mancini, presidente di Fondazione Andi - Una scarsa salute orale è stata associata a una serie di patologie tra cui il diabete, le malattie cardiovascolari, il cancro al pancreas, la polmonite, l’Alzheimer".

"Comprendere sin dall'infanzia quali sono le buone abitudini da seguire - aggiunge Edoardo Cavallè, consigliere della Fdi e responsabile del gruppo di contatto che ha organizzato la giornata a livello globale - aiuta a conservare una salute orale ottimale fino alla tarda età garantendo una vita libera dal dolore e dal disagio emotivo spesso causato da problemi della bocca".

 



AdnKronos

Commenta questo articolo


Loading...
vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.918

Anno XXXVI n° 14 / 27 luglio 2017

VACCINI A SCUOLA. PROMOSSI O BOCCIATI?

Per andare a scuola non basta il diario. Ora ci vuole il libretto sanitario. Con il certificato delle vaccinazioni.Ma è proprio indispensabile?

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×