22/07/2018temporale e schiarite

23/07/2018parz nuvoloso

24/07/2018quasi sereno

22 luglio 2018

Volley

Eva salta più di tutte

La diciottenne Ravazzolo, Giorgione Pallavolo, ha un’elevazione da serie A: è un prodotto del vivaio di Castelfranco e sogna di diventare, un giorno, maestra d’asilo.

Volley

Eva Ravazzolo

CASTELFRANCO - Se il Giorgione da neopromosso veleggia in B2 a un punto dalla vetta, il merito è anche suo. Eva Ravazzolo (nella foto), 18 anni compiuti da un paio di settimane, sta attraversando uno straordinario momento di crescita tecnica e fisica.

Ne è prova il recente risultato conseguito nei periodici test di elevazione: l’atleta di Castelfranco Veneto ha toccato quota 3,10 m. con un balzo che ha strabiliato allenatori e compagne di squadra presenti. Fra l’altro, il tecnico del Giorgione Paolo Carotta aveva tarato il vertek, cioè l’attrezzo che misura l’elevazione, a una quota massima di 3,10 m. non aspettandosi un balzo così formidabile. Ma non è tutto. Dando uno sguardo ai numeri partita, la centrale di 1,78 m. ha realizzato nei primi cinque incontri di campionato ben 48 punti, frutto di 31 attacchi vincenti, 9 muri e 8 ace.

E’ l’emblema, assieme a Botezat che milita già in serie A, di come dalle quasi 300 atlete della Giorgione Pallavolo emerga puntualmente anche la qualità. Coach Carotta la allena da quando ha tredici anni: «E’ sempre stata una delle atlete di maggior valore del nostro settore giovanile e per ben 4 anni di fila l’ho inserita nel gruppo dell’under 18 arrivando a disputare ogni anno le finali provinciali. E’ sfuggita agli occhi dei selezionatori provinciali ma fra le nate nel ‘99 è sicuramente fra le due atlete più forti della Marca.»

Eva Ravazzolo è giovane ma vanta già un palmares di tutto rispetto. A Castelfranco ha ottenuto la promozione in B2, ha vinto 2 Coppe Veneto risultando MVP della finale 2017, 1 Coppa delle Alpi, 2 Coppe Triveneto e 2 titoli provinciali under 18. «E’ la prima ad arrivare agli allenamenti e l’ultima ad uscire, ha delle ottime capacità unite a una grande dedizione al lavoro» continua Carotta «e sicuramente può già ambire a militare in una categoria superiore. Ci auguriamo che ci possa arrivare, fra qualche anno, con la maglia del Giorgione.»

E al di fuori del campo? Eva, alle prese quest’anno con gli esami di maturità, si racconta così: «La pallavolo è la mia valvola di sfogo. Un giorno vorrei diventare maestra d'asilo, è il mio sogno da quando ero bambina e farò di tutto per realizzarlo».

 

Altri Eventi nella categoria Volley

In 120 all'Imoco Camp di Brunico
In 120 all'Imoco Camp di Brunico

Volley

Le giovani atlete svolgono gli allenamenti presso il Campus e oltre al lavoro tecnico di specializzazione partecipano a gite in zona

In 120 all'Imoco Camp di Brunico

BRUNICO (BOLZANO) - Dopo le tre settimane di camp Imoco Volley a Fo1igno e Bibione, 120 ragazze da tutta Italia dai 12 ai 17 anni si stanno allenando per due settimane nella meravigliosa cornice dolomitica di Brunico (Bz) nell’ambito dell’IMOCO Volley Mastercamp 2018.

la presentazione della nuova maglia
la presentazione della nuova maglia

Volley

La Tinet di Oderzo sarà main sponsor della neopromossa Volley Prata nella nuova avventura in Serie A

Azienda opitergina protagonista nei palazzetti dell'A2

ODERZO - La Tinet di Oderzo sponsorizza il Prata Volley, formazione neopromossa in serie A2 uomini di pallavolo. L´ufficialità è arrivata in questi giorni.

Volley Cessalto
Volley Cessalto

Volley

Diversi i traguardi raggiunti nel triennio che ha segnato la rinascita societaria

Stagione da incorniciare per il Volley Cessalto

CESSALTO - Stagione di successi per il Volley Cessalto. L'associazione, rinata con una nuova gestione nell’agosto 2015, è passata dai 60 tesserati iniziali ai 150 attuali sotto la guida del presidente Giuliano Zancoli.

Commenta questo articolo


Le società Sportive

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×