15 novembre 2019

Castelfranco

Ex base Nato: “Nuovo governo non insabbi il progetto di riqualificazione”

Questo il monito della deputata Sara Cunial del gruppo misto (ex M5S)

Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

immagine dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

MONTE GRAPPA – La parlamentare Sara Cunial teme che il nuovo governo rallenti o dimentichi il progetto di riqualificazione, recupero e demolizione dell’ex Base Nato. “Finalmente il cammino del progetto per il restauro conservativo del Sacrario militare sulla cima del Monte Grappa, sembrava decollare – afferma -. Negli scorsi mesi, insieme a amministrazioni locali e cittadini, avevamo lavorato tanto per concretizzare questo imponente lavoro di riqualificazione dell'intero complesso monumentale e di demolizione della fatiscente ex base Nato. Insieme al sindaco di Seren del Grappa Dario Scopel abbiamo inoltre avuto un importante incontro in ambito ministeriale, dove sono stati presi specifici impegni. Che ad oggi rischiano di essere non mantenuti”.

“Questo progetto – continua Cunial – è un riconoscimento dovuto a un simbolo nazionale tra i più suggestivi d'Italia, legato alla nostra storia e alla memoria dei caduti e, al contempo, un impegno di valorizzazione di un intero territorio da numerosi punti di vista (paesaggistico, turistico, agricolo, sociale e culturale), nonché un passo importante anche nell’ottica della candidatura ufficiale del Massiccio del Grappa a Riserva di Biosfera UNESCO. Insomma, un’opportunità imprescindibile per la nostra terra e per chi la abita. Che, dopo oltre sei anni di attesa, proprio adesso che si stava per realizzare, rischia di saltare. È noto infatti che la causa dei vari rallentamenti che si sono susseguito negli anni risiede nel fatto che ad ogni nuovo governo si debba obbligatoriamente riapprovare la Struttura di Missione, il che vuol dire perdere mediamente 6 mesi. Dal 2014 ad oggi è successo per ben 3 volte. Quattro considerando l’attuale crisi di governo e le sue possibili implicazioni. Tutto ciò è inammissibile”.

Cunial quindi conclude: “Considerato oltretutto il lassismo e l’indifferenza che il Governatore Luca Zaia ha sempre dimostrato nei confronti di quel territorio e di questo progetto, è davvero difficile credere che qualsiasi spinta possa arrivare dalla Regione. È compito quindi di questo governo, della Presidenza del Consiglio e dei Ministri competenti portare avanti ciò che in questi mesi è stato promesso e programmato in termini di azioni concrete, miglioramento dei servizi, riqualificazione dei luoghi e valorizzazione dei territori in termini di attività residenti e turisti. A tal proposito mi sono rivolta direttamente agli uffici competenti, indirizzando una lettera ai Ministri coinvolti e alla Presidenza del consiglio, per chiedere, anche a nome della comunità di riferimento e delle realtà coinvolte, le tempistiche e il programma dei lavori predisposto. Mi auguro che tutto ciò avvenga, nei tempi prefissati e con gli strumenti già stanziati”.

 



foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×