20/06/2018quasi sereno

21/06/2018quasi sereno

22/06/2018temporale e schiarite

20 giugno 2018

Treviso

Ex caserma Piave: Calesso: "Solo fumo negli occhi"

Il candidato di Coalizione Civica critica le idee del nuovo sindaco Conte sulla Piave

commenti |

TREVISO - “Scriveva nel suo programma elettorale il sindaco Conte, riferendosi al comodato d'uso della ex-caserma Piave all'associazione Open Piave: "ci impegniamo a far cessare tale stato di fatto". Perché? Perché all'ex-caserma il nuovo sindaco vuole portare un po' di tutto: "spazi per associazioni, verde attrezzato e percorsi pedonali che dovrà prevedere una quota di volumetria per il social housing (anche alloggi per giovani coppie/anziani)". Ovviamente, essendo la ex-caserma uno dei problemi principali della città insieme ai varchi elettronici delle Ztl (mentre inquinamento atmosferico, rete fognaria che non c'è, problemi sociali sono molto meno gravi e, quindi, possono attendere) il neo-sindaco è già intervenuto pubblicamente sull'argomento, iniziando a sviluppare la cortina fumogena sui nodi veri dell'amministrazione, ambientali, sociali, urbanistici”.

A criticare i primi passi di Conte è Luigi Calesso, ex candidato della lista Coalizione Civica. “Posto che il complesso della ex-caserma offre effettivamente la possibilità di sviluppare molteplici attività e che una sua completa ristrutturazione permetterebbe di raggiungere molti degli obiettivi programmatici del nuovo sindaco senza mettere in discussione ciò che è stato sviluppato finora, mi sembra che ci siano un paio di problemi".

“Perché i sindaci Gentilini e Gobbo (di cui Conte si dichiara orgogliosamente erede) e l'Ater di Fanton (proprietaria di una parte del compendio della ex-caserma), nei vent'anni di tempo che hanno avuto non hanno fatto niente di ciò che Conte indica nel suo programma amministrativo per i prossimi 5 anni?" si chiede Calesso.

"A fronte di un regolare contratto per l'utilizzo di una porzione della ex-caserma come intende il sindaco Conte "far cessare tale stato di fatto"? Non vorrà mica essere lui a passare dalla parte dell'illegalità? Se Conte ancora non se ne fosse accorto, inoltre, quella della ex-caserma Piave è l'unica operazione di rigenerazione urbana di un complesso importante in città e il merito va tutto proprio agli "occupanti" di Ztl che hanno dato inizio a quella storia che l'amministrazione Manildo ha accompagnato”.

 

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.938

Anno XXXVII n° 12 / 21 giugno 2018

SULLA MIA PELLE

Il tatuaggio: una moda vecchia 5300 anni

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×