17/08/2018sereno

18/08/2018quasi sereno

19/08/2018quasi sereno

17 agosto 2018

Esteri

Ex modella Playboy si lancia dal 25esimo piano con il figlio

commenti |

Stephanie Adams, ex modella di Playboy di 47 anni, è stata trovata morta dopo essere caduta dal 25esimo piano del Gotham Hotel, a New York, insieme al figlio Vincent, di 7 anni. Stando a quanto riferito dal 'New York Post', la donna si sarebbe suicidata portando con sé il bambino. Madre e figlio si erano registrati in hotel verso le 18 di giovedì. I loro corpi sono stati trovati ieri su un pianerottolo del secondo piano nel cortile posteriore dell'hotel e non è chiaro se Adams abbia lasciato un biglietto d'addio.

 

Adams stava affrontando una dura battaglia legale con l'ex marito Charles Nicolai per ottenere la custodia del figlio e di recente, l'avvocato dell'ex marito aveva chiesto che venisse consegnato il passaporto del bambino. Dopo la carriera da modella per Playboy (nel 1992 si era guadagnata lo scettro di Miss Playboy) Adams aveva cambiato vita. Era diventata autrice di diversi libri di auto-aiuto e gestiva un'azienda online di prodotti di bellezza e biologici.

 

"Gli stereotipi sono sessisti e ingiusti - aveva detto qualche anno fa rispondendo alle critiche - solo perché ho un certo aspetto fisico e gusti costosi non significa che sia superficiale. Stile e aspetto fisico non significano mancanza di cervello". L'ultimo post su Twitter, invece, risale al 21 marzo scorso ed è dedicato alle donne che subiscono violenze domestiche: "L'unica persona che dovrebbe vergognarsi nei casi di violenza domestica è chi commette abusi - scriveva Adams -. Andate in giro a testa alta e siate forti. Trovate chi possa aiutarvi nel modo giusto e restate al sicuro".

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×