20/02/2018nuvoloso

21/02/2018nuvoloso

22/02/2018pioggia debole

20 febbraio 2018

Sport

F1, ecco il calendario.

Fia

Altri Sport

Parigi, 7 dic. (AdnKronos) - La Fia ha approvato il calendario del Mondiale di Formula 1 del 2018. Si ripartirà il 25 marzo da Melbourne e si chiuderà il 25 novembre ad Abu Dhabi, ci sarà un Gp in più rispetto all'ultima stagione, esce di scena la Malesia, mentre tornano Germania, in programma il 22 luglio ad Hockenheim, e Francia. Il Gp transalpino rientra in calendario dopo 10 anni di assenza per problemi finanziari e si svolgerà il 24 giugno sul circuito Paul Ricard. Mentre il 2 settembre si correrà il Gp d'Italia a Monza.

Ad ogni modo la vera novità arrivata dal Consiglio mondiale della Fia riguarda le penalizzazioni da scontare sulla griglia di partenza: se un pilota incorrerà in una sanzione dalle 15 posizioni a salire, sarà retrocesso automaticamente all'ultimo posto.

Questo il calendario del Mondiale di F1 2018:

25 marzo - Australia - Melbourne;

8 aprile - Bahrain - Bahrain;

15 aprile - Cina - Shanghai;

29 aprile - Azerbaijan - Baku;

13 maggio - Spagna - Barcellona;

27 maggio - Monaco - Monte Carlo;

10 giugno - Canada - Montreal;

24 giugno - Francia - Paul Ricard;

1 luglio - Austria - Spielberg;

8 luglio - Gran Bretagna - Silverstone;

22 luglio - Germania - Hockenheim;

29 luglio - Ungheria - Budapest;

26 agosto - Belgio - Spa-Francorchamps;

2 settembre - Italia - Monza;

16 settembre - Singapore - Singapore;

30 settembre - Russia - Sochi;

7 ottobre - Giappone - Suzuka;

21 ottobre - Usa - Austin;

28 ottobre - Messico - Città del Messico;

11 novembre - Brasile - San Paolo;

25 novembre - Emirati Arabi Uniti - Abu Dhabi.

 

Commenta questo articolo


Le società Sportive

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.929

Anno XXXVII n° 3 / 15 febbraio 2018

SI. CUCINO GLI INSETTI

Benvenuti nella cucina di Roberto. Dove le larve di caimano prendono il posto delle verdure pastellate e i muffin vengono prodotti con farina di grilli. Perché dato che forse sarà questo il cibo del futuro, tanto vale iniziare a sperimentare. E gustare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×