13 novembre 2019

Vittorio Veneto

Fadalto ancora chiuso di notte per la frana, la Regione: "Scandoloso, dov'è il Governo?"

Lo sfogo dell'assessore regionale Bottacin

commenti |

commenti |

VITTORIO VENETO - “E’ scandaloso che dopo quasi due settimane di totale chiusura della Strada Statale 51 che collega il trevigiano con il bellunese, con obbligo per i viaggiatori di deviare tramite l’autostrada, oggi ad un mese dalla frana del Fadalto i disagi non siano ancora terminati e gli utenti debbano continuare dalle otto di sera fino al mattino a deviare i loro tracciati per raggiungere le località della provincia di Belluno”.

 

A evidenziarlo è l’assessore regionale alla Protezione Civile e all’Ambiente Gianpaolo Bottacin, che si domanda anche, nello specifico, “dove sono governo e Anas, a cui spetterebbe la competenza di garantire la viabilità in quel tratto?”.

 

“Mi meraviglia molto – aggiunge - che, trascorso un mese da una frana di proporzioni certamente non devastanti, non si sia ancora riusciti nemmeno a riaprire completamente una strada di notevole passaggio quale è la S.S.51. Immediatamente dopo l’evento, io stesso mi ero recato sul posto per verificare la situazione, mettendo successivamente anche a disposizione le nostre strutture regionali in segno di collaborazione”.

 

“Se questo è l’approccio con cui il governo nazionale intende garantire efficienza ed efficacia al territorio in vista di un evento importante come i mondiali di Cortina - ironizza l’assessore - temo che di fianco al nome della Regina delle Dolomiti si rischia di dover scrivere 2081 e non 2021”.

 

“Siamo seriamente preoccupati - conclude l’assessore - non solo per le importanti scadenze che attendono il territorio, ma più in generale per tutta la nostra area montana che nei fatti, cosa ben diversa dalle parole, è quotidianamente e sempre più abbandonata da Roma”.

 

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×