19/08/2018sereno con veli

20/08/2018quasi sereno

21/08/2018quasi sereno

19 agosto 2018

Conegliano

Fallisce il suicidio, ma viene processato per l'arma: si becca 10 mesi

Protagonista un 50enne di Vazzola

commenti |

VAZZOLA - Il suicidio fallito e poi la “beffa” del processo. Protagonista un 50enne di Vazzola, che aveva tentato il gesto estremo nel giugno del 2016: qualcosa però era andato storto, e non era riuscito a farla finita.

 

Aveva cercato di spararsi con una mitraglietta Mp-40, considerata da guerra.

 

I soccorritori lo avevano trovato in una pozza di sangue, ma erano riusciti a salvargli la vita. Ora però l’uomo ha subito un processo per aver portato l’arma in un luogo pubblico, avendo tentato il suicidio in un casolare abbandonato nel vazzolese.

 

Ha scelto il rito abbreviato, ottenendo uno sconto di pena: come riporta il Gazzettino, il giudice lo ha condannato a 10 mesi.

 

Leggi altre notizie di Conegliano

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×