19/06/2019temporale e schiarite

20/06/2019quasi sereno

21/06/2019quasi sereno

19 giugno 2019

Vittorio Veneto

Famiglia uccisa, i sospetti si concentrano sulla figlia maggiore

Il Ministero dell'Interno macedone parla di "ragionevole sospetto"

commenti |

CORDIGNANO-SACILE - Il ministero dell'Interno macedone ha confermato questo pomeriggio in una nota il "ragionevole sospetto" che ad uccidere Amit, Nazmie e Anila Pocesta sarebbe stata B.P., di 28 anni.

 

Si tratterebbe di Blerta Pocesta, la figlia maggiore della coppia. Nella nota si conferma anche che ci sono altre due persone fermate, di 31 anni e di 61 anni, rispettivamente di Gostivar e Debar che avrebbero avuto ruoli diversi nella vicenda.

 

Un giudice per le indagini preliminari ha ordinato il fermo di 48 ore per tutti e i tre i sospettati. Secondo quanto apprende l'Ansa da fonti in Macedonia, F.G., di 31 anni e V.K., di 61 anni, avrebbero procurato l'arma usata nel delitto e facilitato la rapida partenza verso l'Italia della giovane donna, che avrebbe materialmente commesso l'omicidio.

 

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×