19 ottobre 2019

Benessere

Farmaci: Prix Galien per il secondo anno a Roche per anti-emofilia.

AdnKronos | commenti |

AdnKronos | commenti |

Roma, 8 ott. (AdnKronos Salute) - Al Prix Galien, considerato alla stregua di un 'Nobel' nel settore dei farmaci e dei dispositivi medici, Roche si aggiudica per il secondo anno consecutivo il riconoscimento della categoria 'Farmaci Biologici'. Quest'anno il premio va ad Emicizumab, molecola innovativa che segna un progresso importante nel trattamento dell'emofilia A.

"È per noi un grande orgoglio ricevere oggi il Premio Galeno per la categoria dei farmaci biologici - afferma Anna Maria Porrini, direttore medico Roche SpA - Emicizumab rappresenta la prima terapia che per efficacia, sicurezza e somministrazione, è in grado di aprire prospettive senza precedenti nella vita dei pazienti con emofilia A. Il conferimento del premio per il secondo anno consecutivo è un ulteriore riconoscimento all'innovazione Roche che ha contribuito, in oltre 120 anni, al progresso della medicina grazie a soluzioni terapeutiche sempre all’avanguardia".

Queste le motivazioni espresse dalla giuria del Prix Galien, presieduta da Pier Luigi Canonico, ordinario di Farmacologia presso l’Università degli studi del Piemonte Orientale: "Emicizumab è un anticorpo monoclonale umanizzato bispecifico che crea un legame a ponte tra fattore IX attivato e il fattore X. L’anticorpo, legandosi contemporaneamente ai due fattori della coagulazione, vicaria il ruolo del fattore VIII permettendo il ripristinarsi di una normale coagulazione. Emicizumab non è influenzato da inibitori del FVIII e non ne induce lo sviluppo. La sua introduzione segna un progresso importante nel trattamento dell’emofilia A perché rispondente a una esigenza clinica non soddisfatta dai precedenti trattamenti".

 



AdnKronos

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×