25/11/2017pioggia

26/11/2017piovaschi e schiarite

27/11/2017sereno

25 novembre 2017

Valdobbiadene Pieve di Soligo

Farra di Soligo: emettono fatture false, titolari del centro contabile condannati

Avrebbero prodotto le fatture del 1999 in euro, prima che la moneta entrasse in circolazione

commenti |

FARRA DI SOLIGO - Un anno di reclusione, con la sospensione della pena vincolata però al versamento di 20 mila euro alla parte lesa entro sei mesi. Altrimenti finiranno in prigione. Sono stati condannati i titolari di un centro contabile di Farra di Soligo, che avrebbero prodotto documenti falsi per scagionarsi da un precedente processo per truffa, conclusosi con la prescrizione.

 

Lo riporta il Gazzettino. Un agente di commercio di Sernaglia, 9 anni fa, aveva denunciato i due per fatti risalenti al periodo tra il ‘99 ed il 2008: avrebbero fatto pagare all’uomo 21mila euro in più, non versandoli come imposte, ma intascandoli. Il processo per truffa era caduto in prescrizione, ma quello per la restituzione dei 21mila euro si era concluso a febbraio, con la condanna a risarcire l’uomo.

 

I due titolari del centro contabile avrebbero però, per entrambi i procedimenti, emesso delle fatture false per 21mila euro, relative a prestazioni svolte per l’agente di commercio. Avrebbero giustificato così quella richiesta di denaro con dei servizi erogati all’uomo. Peccato però che le fatture, datate 1999, fossero state prodotte in euro, moneta che non era ancora entrata in circolo. Questo è bastato per condannare i due per frode fiscale.

 

Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.924

Anno XXXVI n° 20 / 16 novembre 2017

VIGNETI E FITOFARMACI

“I pesticidi ci stanno uccidendo”. A Cappella Maggiore, due morti e sei malati di tumore in una strada: tra i vigneti e i campi, la malattia dilaga. E i cittadini denunciano

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×