20/07/2018possibile temporale

21/07/2018possibile temporale

22/07/2018possibile temporale

20 luglio 2018

Valdobbiadene Pieve di Soligo

A Farra di Soligo la "torre della pace"

Una nuova campana suonerà ogni sera a ricordo dei caduti della prima guerra mondiale

commenti |

FARRA DI SOLIGO - Inaugurata domenica 6 agosto la Torre della Pace, il campanile adiacente alla chiesetta della Madonna dei Broli, di origini medioevali, ubicata in via Cal della Madonna in centro a Farra di Soligo. La "torre della Pace" ha una nuova campana che suonerà ogni sera, a ricordo dei soldati caduti nella Grande Guerra. L’opera è stata promossa dal parroco don Brunone de Toffol, con la collaborazione di sponsor, ditte e associazioni locali.

 

Alla cerimonia hanno partecipato il cardinale Beniamino Stella, le associazioni d’arma comunali e una delegazione della “Croce Nera austriaca”. Dopo cent’anni dalla Grande Guerra, i discendenti degli eserciti belligeranti si sono dunque ritrovati in segno di pace. Presenti anche il sindaco Giuseppe Nardi e don Bruno Fasani direttore de “L’alpino”. La torre riporta al proprio interno i nomi di 110 soldati austroungarici morti nell'ospedale da campo di Farra di Soligo e i nomi di 50 soldati e 150 civili italiani del paese caduti nel periodo bellico.

 

Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.939

Anno XXXVII n° 13 / 5 luglio 2018

MOLLO TUTTO E VADO A VIVERE NELLA FORESTA

Christian Corrocher ha lasciato Conegliano, sua città natale, per andare a vivere nella foresta Amazzonica. Per anni ha mangiato solo pesce e yucca ed è vissuto senza elettricità, né acqua corrente. Questa è la sua storia

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×