22/07/2018temporale e schiarite

23/07/2018parz nuvoloso

24/07/2018quasi sereno

22 luglio 2018

Cronaca

Fedez preso a pugni finisce all'ospedale

Rissa col vicino per la musica troppo alta

commenti |

Musica troppo alta: il rapper Fedez litiga con il vicino di casa e finisce all'ospedale. P er lui 15 giorni di prognosi e contusione alla mandibola, per il vicino la prognosi è di 10 giorni. La lite sarebbe scoppiata intorno alle 6, quando il vicino, esasperato, avrebbe suonato all'appartamento di Fedez per protestare contro il volume della musica.

Dalle parole si sarebbe passati alle mani con il successivo intervento dei carabinieri. Tra i due sarebbero volati anche schiaffoni e Fedez avrebbe rimediato un cazzotto in bocca e sarebbe stato costretto poi a chiamare il 118 che lo ha trasportato all'ospedale San Paolo. "Sto benissimo, ma l'esagerazione fa notizia", ha detto l'artista in un video pubblicato su Twitter.

Da una prima ricostruzione sembra che il vicino, un uomo di circa 40 anni non ne potesse più dei continui fine settimana di feste e musica tenuti nel loft del rapper. Il cantante, così come il vicino trasportato all'ospedale San Carlo, è stato dimesso.

Il commento di Gasparri: "Rissa col vicino altro spunto per il mio avvocato"

SOCIAL - Sui social network, come prevedibile, la notizia è diventata un argomento di discussione. Accanto ai commenti dei fans del cantante, preoccupati per le condizioni dell'idolo, sono fioccati anche messaggi di 'solidarietà' al vicino dell'artista. Vista la pioggia di tweet velenosi, J-Ax -socio e amico di Fedez- è intervenuto con una serie di messaggi: "Fede sta bene tranquilli. Come purtroppo sta bene anche il fascismo e l'invidia sociale. Dico solo una cosa a voi che godete del fatto che qualcuno si è fatto male. Meritate di essere il nulla che siete".

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×