22/11/2017nuvoloso

23/11/2017coperto

24/11/2017foschia

22 novembre 2017

Nord-Est

Ferisce con ascia ex moglie poi tenta suicidio

commenti |

VERONA - E' stato arrestato dai carabinieri l'uomo che questa mattina ha aggredito la moglie a San Martino Buon Albergo (Verona) colpendola con un'accetta. E' un ghanese di 59 anni, che è stato portato in caserma. Sarà il magistrato a formalizzare l'accusa di tentato omicidio. L'uomo è in Italia da una ventina d'anni ed era noto per problemi di alcol, che lo scorso agosto erano culminati con il suo allontanamento da casa.

 

"Conosciamo la famiglia e la situazione - ha detto il sindaco di San Martino Buon Albergo, Franco De Santi - quella famiglia, che ha tre figli, dal 2009 è seguita dai servizi sociali e nel 2013, dopo che il padre era rimasto senza lavoro, era stata ospitata con un provvedimento d'urgenza in un alloggio dell'Ater".

 

"L'amministrazione comunale - ha aggiunto - è sempre stata di sostegno per le bollette e le spese scolastiche". Il ghanese è poi stato ricoverato in prognosi riservata all'ospedale di Borgo Trento. Subito dopo l'arresto, infatti, i carabinieri hanno chiesto l'intervento del personale sanitario del 118 perché l'uomo ha accusato un malore. A quanto si è appreso, prima di essere fermato l'uomo avrebbe ingerito della varechina mescolata nel vino in un tentativo di suicidio.

 

Il ghanese una settimana fa avrebbe sospeso la terapia per l'etilismo, ricominciando a bere. Ora è piantonato in ospedale, mentre la moglie - che dallo scorso agosto aveva allontanato da casa il marito - è ricoverata al Policlinico di Borgo Roma, ma non è in pericolo di vita. I tre figli al momento sono stati affidati ai servizi sociali.

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.925

Anno XXXVI n° 20 / 16 novembre 2017

VIGNETI E FITOFARMACI

“I pesticidi ci stanno uccidendo”. A Cappella Maggiore, due morti e sei malati di tumore in una strada: tra i vigneti e i campi, la malattia dilaga. E i cittadini denunciano

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×