18 agosto 2019

Politica

Ferrara alla destra dopo 70 anni

commenti |

Sette comuni al centrodestra, sei al centrosinistra, uno al M5S e uno a un candidato civico. Questi i risultati dei ballottaggi, che ieri hanno registrato un forte calo dell'affluenza rispetto al primo turno.

 

Dopo circa 70 anni di governo 'rosso' il centrodestra conquista quindi la città di Ferrara con il candidato della Lega Alan Fabbri, che batte al ballottaggio il candidato del centrosinistra Aldo Modonesi. E' lo stesso destino di Forlì, che dopo un lungo dominio della sinistra vede trionfare Gian Luca Zattini del centrodestra, mentre a Reggio Emilia vince il candidato di centrosinistra Luca Vecchi.

 

Il Movimento 5 Stelle si aggiudica la sfida di Campobasso con Roberto Gravina, che batte la sfidante del centrodestra Maria Domenica D'Alessandro.

 

A Potenza Mario Guarente diventa il primo sindaco leghista di una città del Sud; ad Avellino la fascia tricolore va al candidato delle civiche Gianluca Festa. A Livorno il centrosinistra torna alla vittoria con Luca Salvetti dopo i 5 anni di consiliatura M5S targata Filippo Nogarin; sempre in Toscana Matteo Biffoni, centrosinistra, si guadagna la riconferma come primo cittadino di Prato. Vanno al centrodestra i comuni di Foggia, Ascoli Piceno, Biella, Vercelli. Il centrosinistra invece elegge i propri candidati a Cremona, Verbania, Rovigo.

 

La sfida dei 15 capoluoghi, dunque, finisce con questo bilancio: 7 comuni al centrodestra, 6 al centrosinistra, 1 al M5S e 1 a un candidato civico.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

immagine della news

26/05/2019

Italia al voto

Aperte le urne per il rinnovo del Parlamento europeo e per la tornata di amministrative

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×