25/09/2017quasi sereno

26/09/2017quasi sereno

27/09/2017quasi sereno

25 settembre 2017

Treviso

Festa del Socio Cisl, Manildo firma per l'equo fisco

Stand informativi nelle piazze di Treviso

commenti |

TREVISO - Centinaia le persone che ieri hanno visitato gli stand informativi Cisl, nelle piazze di Treviso dove si è svolta la "Festa del Socio" organizzata dalla UST Regionale.

La festa è stata l'occasione per proseguire nella raccolta firme per la proposta di iniziativa popolare per un equo fisco, che ha visto la firma anche del Sindaco di Treviso Giovanni Manildo (e del suo vice Roberto Grigoletto).

 

Ricordiamo che la proposta di legge propone una riforma del sistema fiscale per cambiare il Paese, che possa introdurre un bonus di mille euro annui per tutti i contribuenti con un reddito individuale fino a 40mila euro; un nuovo sistema di detrazioni d’imposta per le famiglie, con l’introduzione del NAF, Nuovo Assegno Famigliare, flessibile in base ai redditi; un tetto complessivo di tassazione locale, regolamentando imposte e tasse regionali e comunali; l’introduzione dell’imposta ordinaria sulla grande ricchezza, perché il 4% dei cosiddetti “grandi ricchi” d’Italia, contribuisca ad una maggiore equità fiscale; l’esclusione dalla tassazione della prima casa; l’aumento delle sanzioni amministrative e penali per l’evasione fiscale e il miglioramento della tracciabilità dei pagamenti.

 

(Nella foto la firma del Sindaco Manildo, tra la Segretaria Regionale Franca Porto, il Segretario aggiunto Veneto Onofrio Rota e il Segretario Generale Treviso Belluno Franco Lorenzon)

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×