23/07/2017quasi sereno

24/07/2017temporale e schiarite

25/07/2017possibile temporale

23 luglio 2017

Valdobbiadene Pieve di Soligo

Fiera di San Gregorio, 40mila presenze in tre giorni

Zaia lancia alle terre del Prosecco l'appello all'unità

commenti |

VALDOBBIADENE - Una piazza Marconi baciata dal sole e gremita da migliaia di persone ha accolto il gran numero di autorità intervenute per dare il via, al Valdobbiadene, all’edizione 2017 dell’Antica Fiera di San Gregorio.

 

In primis il Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, gli assessori regionali Federico Caner e Gianpaolo Bottacin, i consiglieri regionali Alberto Villanova e Nazzareno Gerolimetto, oltre ai rappresentanti delle amministrazioni comunali di Valdobbiadene, il sindaco Luciano Fregonese e il vicesindaco Pierantonio Geronazzo.

 

“Io sono quello del Prosecco, diventerò anche quello dell’autonomia”, queste le parole finali dell’intervento del governatore Zaia. Prima la difesa della viticoltura locale dall’attacco mediatico sul tema dei fitosanitari: “Prosecco DOC e DOCG insieme fanno mezzo miliardo di bottiglie, tutti ci invidiano e sono coalizzati contro di noi. Dobbiamo arrabbiarci se qualcuno cerca di far credere che siamo gli unici a fare trattamenti nei vigneti, certo il futuro è verso la sostenibilità e la certificazione ambientale, ma i trattamenti che si fanno qui si fanno ovunque. Il Veneto è la prima regione viticola d’Italia e io non voglio vedere veneti contro veneti: perché oggi dove si apre un nuovo mercato, prima arrivano le bollicine del prosecco poi tutti gli altri. Quelli della DOC devono levarsi il cappello davanti ai viticoltori di collina, se non ci fossero stati loro oggi il fenomeno Prosecco non esisterebbe, ma questo è il momento di restare uniti”.

 

Quindi l’appello ai produttori: “Attenzione ai prezzi, servono accordi di filiera, quindi no a guerre interne dobbiamo essere forti sui mercati”. In conclusione il balzo sul tema dell’autonomia: “Stiamo trattando la convenzione col Ministero degli Interni per il Referendum, noi vogliamo un election day che ci consenta di risparmiare 14 milioni di euro. Poi ho bisogno di un grande risultato di affluenza, votate sì o no, ma andate a votare per dare forza a questo voto e vedrete che il giorno dopo vado io a Roma. 220 miliardi di tassa per finire la Pedemontana non avremmo dovuto metterli se avessimo avuto l’autonomia e il Veneto è stata la prima Regione ad ottenere questo Referendum, cerchiamo di approfittarne”.

 

Il discorso del Presidente Zaia è stato preceduto dall’intervento del presidente della provincia di Treviso, Stefano Marcon, che ha ricordato: “L’importanza delle Fiere nel nostro territorio, espressione di un settroe primario che è tornato ad essere un importante volano della nostra economia”. Il presidente ha voluto così suggellare il gemellaggio che da quest’anno lega la Fiera di San Gregorio alla Fiera del Florovivaismo a Bessica di Loria.

 

“Non solo Prosecco – ha ricordato il sindaco, Luciano Fregonese - Valdobbiadene ha il 23% del territorio vitato, quasi il doppio invece è il territorio occupato da boschi e montagne. Nei tre giorni della Fiera concentriamo il meglio che Valdobbiadene sa offrire, l’amore per questa terra, ricca di proposte che è anche l’amore di tanti per il proprio lavoro volto a valorizzare questo ambiente”. Anche grazie al bel sole la Fiera è stata presa d’assalto dai visitatori.

 

Si stimano in oltre 40mila le presenze tra sabato e lunedì (domani il gran finale con i fuochi d’artificio alle 22). Sono 150 gli espositori con una forte specializzazione in ambito di tecnologie e macchinari per la viticoltura, che fanno di San Gregorio punto di riferimento per i produttori dell’area del Prosecco Superiore. Villa dei Cedri, che insieme a piazza Marconi è cuore pulsante degli eventi, con la Cittadella dei Taglienti, le esposizioni d’arte e tante attrattive nel parco appena restaurato. 

 

Commenta questo articolo


Loading...

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.918

Anno XXXVI n° 14 / 27 luglio 2017

VACCINI A SCUOLA. PROMOSSI O BOCCIATI?

Per andare a scuola non basta il diario. Ora ci vuole il libretto sanitario. Con il certificato delle vaccinazioni.Ma è proprio indispensabile?

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×