20/06/2018quasi sereno

21/06/2018quasi sereno

22/06/2018temporale e schiarite

20 giugno 2018

Montebelluna

Fonderia di Guarda, incontro in Provincia per riduzione fumi e rumori

Stabilito un rigoroso cronoprogramma. Analisi sulle cause degli odori

commenti |

fonderia

MONTEBELLUNA - Si è tenuto in Provincia a Treviso un incontro fra il sindaco di Montebelluna Marzio Favero, accompagnato dal dirigente del Settore Gestione del Territorio del Comune e dal comandante della Polizia Locale, il presidente della Provincia di Treviso Stefano Marcon, il dirigente del settore Ambiente della Provincia, il direttore del Dipartimento Provinciale ARPAV di Treviso, il dottor Corrà, titolare della Fonderia di Guarda, un rappresentante di Unindustria ed un rappresentante dell’Uss.

 

L’incontro, sollecitato dal sindaco Marzio Favero, è stato convocato dal Presidente della Provincia. Sul tavolo gli annosi problemi connessi alla convivenza da un lato dell’attività produttiva e dall’altro delle aree residenziali. Il sindaco Marzio Favero ha spiegato come i problemi si siano aggravati negli ultimi mesi con la segnalazione di ripetuti fenomeni di disturbo arrecati dall’attività produttività; in particolare si sono moltiplicate le segnalazioni di odori tipici dell’attività produttiva metallurgica ed ha spiegato come le segnalazioni siano andate in crescendo e trovino conferma nella raccolta firme portata avanti dal Comitato civico di Guarda con oltre 400 sottoscrizioni. I vigili, interessati dal sindaco ad intervenire, hanno rilevato una serie di contravvenzioni. L’Arpav ha effettuato più controlli su segnalazione della stessa Polizia locale. Il sindaco ha concluso spiegando che nei suoi sette anni di percorso a Montebelluna mai gli era successo di sentire gli odori persino in centro città e che quindi è necessario intervenire sulle cause.

 

“Se da un lato è giusto e doveroso tutelare le attività produttive, dall’altro queste devono essere svolte in modo compatibile con il contesto in cui si inseriscono - spiega il presidente della Provincia, Stefano Marcon -. Ricordo che c’è un Piano di prescrizioni che la Provincia ha già imposto all’azienda per migliorare la sua situazione in ordine soprattutto al tema dei fumi diffusi e dell’insonorizzazione dell’impianto”.

 

Un Piano che dopo l’incontro ha avuto un’accelerazione.

Il dottor Tomiato ha ricordato i parametri che rendono compatibile un’attività produttiva con un’area che comunque presenta zone residenziali. Il Comandante Milani ha posto il problema operativo di avere attenzione nei modi e nei tempi di apertura e chiusura dei portali di accesso all’impianto. Il signor Corrà ha sottolineato come al momento dell’acquisto non vi fossero quegli aspiratori che oggi sono richiesti dalla normativa e prescritti dalla Provincia per i fumi diffusi.

 

Alla conclusione dell’accordo queste sono le azioni che sono state concordate per ridurre prima ed eliminare infine i disagi causati dall’attività di fonderia:

1.  l’azienda Corrà si è impegnata:

• ad ottenere al più presto, entro il mese di giugno, il già commissionato studio sulle cause degli odori che arrecano disagio alla cittadinanza in modo da poter fare un primo intervento tempestivo;

• ad individuare un RSPP, responsabile del servizio di prevenzione e protezione, dedicato al solo impianto produttivo di Montebelluna, affinché possa in modo continuativo monitorare i processi produttivi dell'impianto, le modalità operative delle lavorazioni, ed intervenire tempestivamente laddove vi siano imprevisti o malfunzionamenti;

• a realizzare l'intervento prescritto dalla Provincia per l’aspirazione dei fumi diffusi e l’insonorizzazione, anticipando il primo stralcio entro il 31 agosto; tale intervento riguarderà l’impianto di staffatura, cioè di colata. Il secondo intervento di aspirazione verrà realizzato entro il 31 dicembre ed interesserà l’intera catena produttiva. Si prevede anche un intervento sui camini introducendo nuovi filtri;

 

2. la Polizia locale e l’Arpav, ripetutamente intervenute negli scorsi mesi, continueranno a presiedere la situazione e ad effettuare controlli.

 

“Ringrazio il presidente della Provincia, Stefano Marcon, per la prontezza con cui ha dato seguito alle richieste del Comune di avere un tavolo di confronto tra le varie parti - afferma il sindaco Marzio Favero -. Dall’incontro sono usciti impegni precisi ed un cronoprogramma certo e ridotto rispetto a quanto in origine prospettato, per la loro realizzazione che è rigoroso e pubblico. Il signor Corrà ha dato la sua disponibilità ad una leale collaborazione, ed è corretto che così sia poiché oggi le attività produttive devono conciliarsi con il rispetto della salute e non solo, anche quello della qualità della vita. Non conosco il nuovo Comitato che si è costituito sul tema. Faccio presente che noi siamo sul pezzo da mesi e piuttosto ringrazio il presidente Garofalo e il direttivo del Comitato civico di Guarda che ci è stato vicino in questo tempo e ci ha dato una mano a raccogliere le firme che testimoniano della realtà del disagio avvertito dalla popolazione locale. Confido che gli impegni assunti vengano mantenuti rispettando la tempistica”.

 

Leggi altre notizie di Montebelluna

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Montebelluna
vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.938

Anno XXXVII n° 12 / 21 giugno 2018

SULLA MIA PELLE

Il tatuaggio: una moda vecchia 5300 anni

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×