24/02/2017pioviggine

25/02/2017sereno

26/02/2017velature sparse

24 febbraio 2017

Francia, morti sospette dopo farmaci anticancro: al via indagine

Morti sospette, in Francia , tra donne in cura con un farmaco usato per il trattamento del tumore del seno, il docetaxel. I decessi, dovuti a enterocolite da neutropenia, si sono verificati ad agosto e settembre 2016 e febbraio 2017 come si legge in una lettera, destinata agli oncologi, inviata ieri dall'Agenzia francese per la sicurezza del farmaco (Ansm), in cui si precisa che già dal 13 settembre 2016 è stata avviata un'indagine di farmacovigilanza su tutti i prodotti a base di docetaxel.

La presentazione dei risultati è attesa per il 28 marzo. La lettera dell'Ansm riporta 5 decessi, ma il quotidiano 'Le Figaro' che aveva denunciato il caso parla di 7 decessi (basandosi su fonti mediche), l'ultimo dei quali una decina di giorni fa all'istituto Curie. Il docetaxel, ricorda l'Agenzia regolatoria nella lettera agli specialisti, è uno dei farmaci più utilizzati contro diverse forme di tumore e la neutropenia è l'effetto indesiderato più frequente. Per questo, oltre a forme di profilassi per attenuare i rischi di complicanze, è necessaria una particolare sorveglianza delle analisi del sangue.

L'Agenzia, però, sottolinea che "non è formulata alcuna raccomandazione" agli oncologi relativamente a questo principio attivo in assenza di "elementi complementari d'indagine che permettano di valutare il rischio/beneficio nel quadro del trattamento del cancro al seno".

 



Commenta questo articolo



vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Otto casi di meningite nella provincia di Treviso. Sei preoccupato?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.907

Anno XXXVI n° 3 / 16 febbraio 2017

CARLO E COSETTA: UNA VITA CHE E' (QUASI) POESIA

Zarlatàn (de Zèneda) e (quasi) poeta. Carlo se la ride sotto i versi. Nonostante la...censura. Ha iniziato a scrivere versi per “salvarsi”. Ma anche perché, sin da bambino, provava una simpatia particolare per la poesia, che riusciva a imparare a memoria senza fatica. Col tempo, Carlo Piasentin ha fatto di un impulso giocoso una passione fondamentale. Eppure, in casa, ha sempre avuto un giudice severissimo: la moglie Cosetta. Che - ma questa è pura chiacchiera da salotto - lo ha sposato...per allegria

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×