19/08/2018sereno con veli

20/08/2018sereno

21/08/2018quasi sereno

19 agosto 2018

Conegliano

Funghi tossici: al via controlli Ulss7

A Conegliano e Pieve di Soligo controlli gratuiti fino a novembre

commenti |

CONEGLIANO - Anche quest'anno, in concomitanza con l'inizio della stagione dei funghi, l'Ulss 7 ne assicura il controllo della commestibilità, al fine di prevenire eventuali intossicazioni. I controlli, gratuiti, continueranno fino alla fine della stagione di raccolta a novembre e saranno effettuati presso il Distretto, in via Galvani a Conegliano e presso la sede Ulss 7 di via Lubin a Pieve di Soligo.

 

Per un rapido e facile controllo è richiesta la collaborazione degli utenti, che per agevolare il riconoscimento sono invitati a separare i diversi tipi di funghi raccolti (che devono essere freschi, interi e puliti) trasportandoli in contenitori rigidi e forati. Il controllo è molto importante, basti pensare che lo scorso anno nel nostro territorio ben due persone sono finite all'ospedale per intossicazione da funghi non controllati.

 

“E’ fondamentale non fidarsi delle credenze popolari o di metodi empirici per valutare la tossicità dei funghi raccolti – raccomanda Vincenzo Marcotrigiano, Coordinatore dei Tecnici della Prevenzione del Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione dell’Ulss 7 ­- L’unico metodo sicuro per l’identificazione delle specie commestibili è la classificazione sulla base delle loro caratteristiche, eseguita da personale appositamente formato. La maggior parte delle intossicazioni è determinata da funghi velenosi raccolti da persone inesperte ma, anche, da funghi generalmente commestibili, raccolti in luoghi inidonei o cucinati in modo non appropriato”.

 

Leggi altre notizie di Conegliano

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Conegliano

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×