20/07/2018temporale e schiarite

21/07/2018temporale e schiarite

22/07/2018possibile temporale

20 luglio 2018

Nord-Est

Furto a Palazzo Ducale, museo blindato e visitatori chiusi dentro per le indagini

commenti |

VENEZIA - Una mattinata al museo. Sono stati costretti ad attendere che si svolgessero le indagini, i visitatori del Palazzo Ducale di Venezia, che questa mattina sono stati rinchiusi all’interno del museo dove si è verificato un misterioso furto.

 

Alcuni gioielli della mostra "Tesori dei Moghul e dei Maharaja, che raccoglie 270 tra gemme e gioielli indiani dal XVI al XX secolo appartenenti alla collezione Al Thani, sono stati rubati da una teca. L’allarme è scattato intorno alle 10, orario in cui il museo è stato blindato per permettere agli investigatori di controllare quanti erano all’interno. E mentre fuori si sono formate lunghe code, chi era dentro non aveva la possibilità di uscire.

 

Sul furto. esperti della polizia di Roma stanno facendo chiarezza: il Questore Vito Gagliardi ha sottolineato che è indispensabile capire "cosa non ha funzionato" perché e "stata aperta una teca come fosse una scatoletta mentre l'allarme, se ha funzionato, è partito con ritardo".

Chiusa la Sala dello Scrutinio, Palazzo Ducale di Venezia è stato ora riaperto al pubblico, compresa la Sala del Maggior Consiglio attigua a quella del furto. La polizia scientifica ha effettuando i rilievi e ha già lasciato l'edificio, mentre uomini della squadra mobile stanno visionando i video della Polizia municipale che gestisce l'impianto di sorveglianza.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×