16 settembre 2019

Italia

G8, Letta: ''Dal vertice arriva una spinta in avanti alle politiche del nostro governo''

commenti | (1) |

ROMA - Il G8 è stato ''un grande ombrello di accordi, intese, strategie, che coprono e spingono in avanti le politiche che stiamo cercando di applicare in Italia''. Lo ha assicurato il presidente del Consiglio, Enrico Letta, nella conferenza stampa finale del summit.

''C'è stata una discussione utile e condivisa su alcuni temi fondamentali, quali la lotta all'evasione e le misure contro l'elusione, tema questo ancora più complesso''.

''Basta con la logica della scorciatoia sull'evasione fiscale'' ha sottolineato. ''Tax, trade and transparency. Tre 'T' che hanno dato risultati utili e importanti'' ha assicurato il presidente del Consiglio.

''Da questo G8 è venuta fuori, e verrà reiterata al G20, una pressione che ormai darà risultati senza ritorno sul tema della lotta ai paradisi fiscali''. Inoltre, la questione della disoccupazione giovanile "è in rampa di lancio. Ora bisogna che si concretizzino le cose in modo positivo" ha detto il premier.

"La menzione nel comunicato finale" del vertice "con grande forza" di questo argomento è un merito dell'Italia, ha aggiunto Letta, "e ci rafforza in vista del consiglio europeo e del vertice di Berlino".

"Devo dire - ha proseguito il presidente del Consiglio - che la conversazione di Obama è stata molto importante, soprattutto sul tema della disoccupazione giovanile". E "cogliere l'attenzione netta di Obama" attorno a questa questione, "mi è sembrato un punto molto importante".

''Torno a casa carico di energie positive'' ha sottolineato il premier. ''Ho trovato molti stimoli su tanti temi'' ha aggiunto, sottolineando che "manterremo gli impegni con l'Europa perché l'Italia è un Paese serio e i Paesi seri mantengono i loro impegni".

''Il lavoro di questi anni è servito, consente all'Italia la possibilità di poter giocare su diversi temi. Non ho avuto l'impressione di essere trattati come osservati speciali, neanche dagli Stati Uniti. L'Italia ha i numeri a posto'' ha detto il premier.

Inoltre, sul versante politica estera, l'intesa raggiunta al G8 sulla Siria ''mi sembra un buon passo avanti significativo'' ha assicurato Letta, sottolineando che sarà coinvolta l'Onu per le indagini sulle armi chimiche.

E, ancora, l'accordo di libero scambio: "L'accordo trasatlantico di commercio è un accordo storico. La nascita di un mercato comune euro-atlantico è la più bella delle risposta alla crisi economica internazionale". E l'Italia ''è il Paese che ha più da guadagnare" da questo accordo: "Abbiamo un interesse e un'attenzione che dovrebbe portarci a cogliere la maggiore possibilità di avere risultati".

Infine, ''è bene che la Gb rimanga a bordo per noi e per tutta l'Europa - ho precisato Letta - la Ue non sarebbe migliore, anzi sarebbe peggiore senza la Gb''.

(Adnkronos)

 

Commenta questo articolo


adesso possiamo stare tranquilli, che non cambierà nulla.......
Ah , si: se condannano B l 'esercito di Berlusconi ovvero l'onda blu ha dichiarato che farà cadere il governo...... quindi delle due l'una: o mettiamoci il cuore in pace, che B continuerà ad imporci politici come la Minetti, o il governo cade entro 2 mesi....
Il lavoro, l'economia, le pensioni......? Cazzate, frega niente a nessuno di quei signori. Il loro vitalizio, il loro stipendio, la buonuscita, questo conta. E voi li votate !!

segnala commento inopportuno

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×