24/10/2017sereno

25/10/2017velature sparse

26/10/2017sereno con veli

24 ottobre 2017

Castelfranco

Gang del treno, giovani identificati grazie a telecamere

Il caso trattato da Canale 5 a “Domenica Live”. La condanna di Ciambetti

commenti |

CASTELLO DI GODEGO - Il gruppetto che avrebbe fatto parte della gang del treno regionale della linea Mestre-Bassano, una decina di giovani in tutto, è stato identificato dai Carabinieri di Castelfranco con una attività investigativa che si è avvalsa dell'analisi delle immagini delle telecamere di sicurezza sul territorio, una volta che questi avevano abbandonato il treno.

Si tratta di giovani italiani e stranieri, nord africani (regolari sul territorio) e dell'est Europa, residenti nel trevigiano. I dati sono stati trasmessi dai carabinieri alla Polfer, competente sul traffico ferroviario, che ora dovrà confrontare le immagini con quelle delle telecamere interne del treno, per attribuire a ciascuno le responsabilità di possibili reati che vanno dal danneggiamento alle minacce, all'ingiuria.

 

Intanto domenica pomeriggio il caso è stato trattato dalla trasmissione di Canale 5 “Domenica Live”, condotta da Barbara D’Urso, dove sono stati trasmessi dei video girati all’interno del treno quella sera.

 

"Desidero esprimere i miei complimenti ai carabinieri e alla polizia ferroviaria che hanno identificato i componenti della gang giovanile che il 30 settembre scorso molestò i passeggeri del treno regionale Mestre-Bassano con insulti, spinte, sputi e un comportamento violento inqualificabile che ha portato molti passeggeri a scendere a Castello di Godego per evitare guai".

Roberto Ciambetti, presidente del Consiglio regionale del Veneto, ha espresso soddisfazione "per le indagini che nel volgere di pochi giorni hanno risolto il caso a dimostrazione, se mai ce ne fosse di bisogno, della qualità e professionalità delle nostre forze dell'ordine - ha detto Ciambetti -. La mia speranza è che i responsabili siano colpiti da una vera pena fatta scontare fino in fondo: Dura lex sed Lex e dunque la si smetta con il lasciare a piede libero fior fiore di delinquenti o bande di violenti che seminano il panico perché si sentono impuniti. Purtroppo, nonostante l'impegno profuso dalle Forze dell'ordine, troppo spesso i nostri treni e le nostre stazioni sono il palcoscenico di soprusi, da fatti gravi come quello del regionale Mestre-Bassano fino a irregolarità inaccettabili compresa l'ondata di 'portoghesi' in massima parte immigrati che quotidianamente non pagano i biglietti e magari disturbano gli altri viaggiatori, per non parlare dei borseggiatori nelle stazioni o delle questuanti che chiedono la carità lungo i vagoni. Serve uno sforzo sempre più forte per ripristinare la legalità anche aumentando i controlli a terra e nelle stazioni". 

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×