19/10/2018sereno

20/10/2018quasi sereno

21/10/2018quasi sereno

19 ottobre 2018

Treviso

"Gentilini assecondava richieste di raccomandazioni": l'accusa del segretario leghista Coin

La replica alle esternazioni dell'ex sindaco, che aveva definito la Lega un "poltronificio"

commenti |

TREVISO - Il segretario provinciale della Lega di Treviso, Dimitri Coin, in risposta all'accusa rivolta nei giorni scorsi da Giancarlo Gentilini al Carroccio locale di essere "un poltronificio" riguardo a società pubbliche e non, ha ribaltato l'accusa sostenendo che l'ex sindaco aveva una "consuetudine ad assecondare richieste di raccomandazioni", specie di fronte a domande di lavoro o richieste di aiuto rivolte da persone appartenenti o meno al Carroccio.

 

"Non rappresenta più - ha detto Coin - le generazioni che ora sono il tessuto sociale del nostro mondo oltre ad un modello di comportamento di "meritocrazia, serietà e preparazione" che oggi il movimento sostiene in opposizione al criterio della "pacca sulla spalla".

 

Il segretario provinciale ha detto di non accettare rilievi dall'ex sindaco sul piano morale. "L'integrità morale è una cosa sulla quale non transigo. Non mi interesserebbero le sue eventuali scuse, un uomo della sua età - ha proseguito - deve avere la piena consapevolezza di quello che fa" e se finora Gentilini è stato giustificato è perché "chi c'era prima aveva un livello di sopportazione superiore".

 

Oltre ad adoperare "linguaggio e modi rumorosi di muoversi, per esprimere concetti raramente propositivi", ha concluso Coin, Gentilini ed i suoi uomini "negli ultimi due anni non hanno fatto nulla per il movimento" assecondando nei fatti una "filosofia politica orchestrata da Flavio Tosi".

 

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.944

Anno XXXVII n° 18 / 18 ottobre 2018

UNA FAMIGLIA SPECIALE

La famiglia speciale di Susanna e Tarcisio, che hanno accolto in casa Lucio e Antonio, gemelli cerebrolesi, Linda, neonata disabile, Eleonora, Manuela e Marco, facendoli diventare loro figli. Nonostante ne avessero già quattro…

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×