28/06/2017temporale e schiarite

29/06/2017piovaschi e schiarite

30/06/2017parz nuvoloso

28 giugno 2017

Castelfranco

'George Washington' di Canova, mostra tra New York e Possagno

Esposizione con modello e bozzetti per capolavoro perduto 1831

commenti |

POSSAGNO - La storia della statua di George Washington di Antonio Canova sarà al centro di una mostra, in occasione dei duecento anni dalla sua realizzazione, organizzata prima a new York poi a Possagno dal capo curatore della Frick Collection, Xavier F. Salomon, in collaborazione con il direttore della Gypsotheca e Museo Antonio Canova, Mario Guderzo, la Venice International Foundation e la Friends of Venice Italy Inc.

L'esposizione, frutto di un anno e mezzo di lavoro, è stata annunciata in una conferenza stampa a Palazzo Balbi, sede della giunta regionale del Veneto, e sarà ospitata dalla Frick Collection di New York dal 22 maggio al 23 settembre 2018 e, successivamente, a Possagno dal 10 novembre 2018 al 22 aprile 2019

 

La mostra ripercorrerà la storia del capolavoro andato perduto nell'incendio del palazzo del Parlamento del 1831, riunendo per la prima volta il modello preparatorio in gesso a grandezza naturale, mai uscito prima d'ora dall'Italia, quattro bozzetti preparatori e i relativi disegni e incisioni. Sarà esposto anche il ritratto a olio di Canova dipinto nel 1816 da Thomas Lawrence.

 

"E' un progetto espositivo congiunto - ha commentato l'assessore regionale alla Cultura, Cristiano Corazzari - di altissimo valore culturale, in cui una delle opere principali di uno dei simboli della nostra regione segna una fortissima vicinanza tra le due sponde dell'Atlantico, attraverso i fortissimi legami tra Veneto e Stati Uniti".

 

Commenta questo articolo


Loading...

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.916

Anno XXXVI n° 12 / Giovedì 22 giugno 2017

C'ERA UNA VOLTA VIA CAPRERA

Lo sceriffo Gentilini ce l’ha ancora nel cuore. Tanto da prendere carta e penna e scrivere al Quindicinale. Per far memoria di una strada che era “centro commerciale urbano”. Dove si trovava il cementista, lo zoccolaio, lo stradin, l’osteria col servizio di carrozze....

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×