22 ottobre 2019

Vittorio Veneto

La giunta Tonon punta al risparmio riducendo il servizio bibliotecario

Studenti adirati: "Il Comune dovrebbe incentivare lo studio, non limitarlo"

Stefania De Bastiani | commenti |

immagine dell'autore

Stefania De Bastiani | commenti |

VITTORIO VENETO – Ha scosso gli studenti l’avviso affisso qualche giorno fa alla parete della biblioteca di Ceneda: dal 2 gennaio la sala adulti della civica aprirà alle 10 del mattino anziché alle 9. Un’ora in meno di servizio. Un’ora al giorno in meno di studio.

 

La decisione presa dall’Amministrazione Tonon, che ha deciso di risparmiare riducendo il servizio bibliotecario, non è piaciuta agli utenti della biblioteca di Ceneda che hanno indetto una raccolta firme affinché la giunta riveda la decisione.

 

“Gli orari ampi sono il motivo per cui la biblioteca di Ceneda richiama centinaia di studenti ogni anno – spiegano i ragazzi - Studenti che vengono da Conegliano, Gaiarine, Codognè e in generale da tutti i comuni limitrofi, Se c'è una cosa per cui ci invidiano è questa: la nostra biblioteca”.

“Il risparmio all'anno -concludono i ragazzi - non è un risparmio esorbitante alla luce di quanto un comune ( candidato ad essere capitale culturale d'Italia ) deve fare per incentivare la lettura, lo studio e in generale la conoscenza”.

 



foto dell'autore

Stefania De Bastiani

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×