09 dicembre 2019

Oderzo Motta

GLI OPERAI ORA FANNO ANCHE GLI AUTISTI

Prime conseguenze dei tagli agli enti locali

| commenti | (2) |

| commenti | (2) |

GLI OPERAI ORA FANNO ANCHE GLI AUTISTI

PONTE DI PIAVE – E ora gli operai fanno gli autisti di scuolabus. A Ponte, a causa della riforma degli enti locali, si è deciso di risparmiare utilizzando un operaio comunale, con qualifica di autista, per portare i bambini a scuola.

Nello specifico si tratta di due corse quotidiane: la tratta del ritorno per le elementari di Negrisia e il ritorno per le media sulla tratta Levada-Ponte.

Il sindaco Roberto Zanchetta: «Per far capire la situazione di difficoltà dell'Ente Locale oggi nel garantire l'espletamento dei servizi essenziali a favore della nostra comunità, evidenzio che - nel corso della Giunta di lunedì scorso - abbiamo fatto il punto sui servizi essenziali da svolgere e sulla loro compatibilità con il personale a nostra disposizione. In particolare, al fine di garantire un corretto e puntuale servizio di trasporto degli alunni, anche in relazione alle aumentate richieste degli utenti - sono stati distribuiti diversamente i compiti dei nostri operai che - talora - faranno anche gli autisti dei pullman scolastici.

Evidentemente, tale nuova organizzazione potrà comportare disservizi nella ordinaria gestione, manutenzione e pulizia degli spazi pubblici con la connessa ulteriore difficoltà a poter garantire le uscite extrascolastiche dei trasporti. Sono solo alcuni fra gli effetti più diretti dell'applicazione della manovra finanziaria ricadente sugli Enti Locali, a cui - evidentemente - se ne aggiungeranno altri a partire dal 2011».

L’assessore Dino Morici: «In questo modo risparmiamo circa 20mila euro e il servizio di trasporto, essenziale per la nostra comunità, non ne risente. Chiaro che in questo modo diminuiscono alcune ore dedicate alla manutenzione ordinaria garantita dai nostri operai». GR

 

Leggi altre notizie di Oderzo Motta
Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×