20/08/2018quasi sereno

21/08/2018quasi sereno

22/08/2018quasi sereno

20 agosto 2018

Montebelluna

Gli universitari di Forza Italia in visita al Parlamento Europeo

| commenti |

| commenti |

i giovani fi montebelluna a bruxelles

MONTEBELLUNA- Da Treviso a Brussells, dritti al cuore pulsante della democrazia europea. Un'esperienza sicuramente importante per i giovani studenti unviersitari, tutti della Marca Trevigiana che hanno avuto l'opportunità di vedere da vicino i lavori del Parlamento Europeo. Diego Troi, Giada Turra, Erika Fischer, Giuseppe Propato, Nicola Mellere ed Elena Casagrande, questi i nomi degli studenti Trevigiani che hanno avuto l'occasione di visitare il Parlamento Europeo, seguendo i lavori dell'importante seduta plenaria avendo così uno sguardo d'insieme e privilegiato sulla più importante delle istituzioni europee.

 

Un importante contributo quello del Parlamento UE da cui promana, spiega Andrea Zappelli, Coordinatore cittadino di Forza Italia Montebelluna che ha guidato il gruppo, "circa il 75% delle leggi approvate ogni anno in Italia, cifra che ben rivela il peso che ormai le decisioni prese a Bruxelles hanno nella vita di tutti i cittadini."

 

"Abbiamo ritenuto cruciale dare a dei giovani studenti l'opportunità di confrontarsi con una realtà politica e giuridica di straordinaria importanza a tutti i livelli", riflette il Coordinatore in una nota. Consentire loro di comprenderne i meccanismi dall'interno in live non è certo come leggerli in un manuale. Per noi questo tipo di formazione è importantissima anche perchè l'Europa è una realtà con la quale imparare a confrotarsi con competenza. Un ringraziamento va all'On.Gardini che ci ha ospitato e si è intrattenuta con noi."

 

Leggi altre notizie di Montebelluna

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×