22/09/2017quasi sereno

23/09/2017parz nuvoloso

24/09/2017temporale e schiarite

22 settembre 2017

Economia e Finanza

Google finanzia 75mila borse di studio

commenti |

Google, in collaborazione con Bertelsmann, ha annunciato il finanziamento di 75.000 nuove borse di studio Udacity per colmare il gap nelle competenze digitali.

In particolare, si legge nel blog dell'azienda statunitense, saranno organizzati corsi di sviluppo per il web e per Android, rivolti sia a principianti sia a programmatori più esperti.

POSTI DI LAVORO - "Il crescente gap nelle competenze digitali ha portato l'Ue a prevedere che mezzo milione di posti di lavoro nel campo delle tecnologie dell'informazione e delle comunicazioni rimarrà vacante entro il 2020", si legge. "Lo scorso anno, insieme a Bertelsmann e Udacity abbiamo offerto 10.000 borse di studio Android dedicate agli sviluppatori, per aiutare le persone a raggiungere i propri obiettivi. L'altissimo numero di richieste di questi corsi ci ha piacevolmente sorpresi", spiega Google nell'annunciare le nuove borse di studio.

ANCHE PRINCIPIANTI - "Oggi apriamo la nostra sfida per 60.000 borse di studio dedicate a corsi di sviluppo per il Web e per Android, rivolte sia ai principianti che a chi già programma. Più avanti nel corso dell'anno - si legge ancora - Bertelsmann offrirà altre 15.000 borse di studio nel campo del Data Science rivolte a principianti e studenti avanzati. Nelle prossime settimane condivideremo altri dettagli in merito. Speriamo davvero - conclude Google - che questa iniziativa aiuterà chi riceve una borsa di studio a ottenere le competenze necessarie per trovare un lavoro o avanzare nella propria carriera".

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×