20 agosto 2019

Il governo Armani

Categoria: Notizie e politica - Tags: obama, Merkel, Renzi, Armani

immagine dell'autore

Emanuela Da Ros | commenti | (12)

Ho la soluzione.

 

Dunque: scriviamoci chiaro. Avete letto che la deflazione in Italia (ma non solo in Italia, perché pare che pure la Germania se la passi maluccio) ha raggiunto livelli da panico?

Oh, mamma! Adesso non confondetemi la deflazione con la deflorazione. La seconda ha a che fare con la rottura dell'imene (parliamo di sesso alle prime armi), la prima a che fare con la rottura di palle (parliamo di economia).

Insomma: nonostante tutte le manovre di Renzi non ci siamo. Scivoliamo nel debito pubblico, nella non-ripresa, nella disoccupazione mai stata così alta.

Per inciso sono tutte faccende che interessano la fascia di popolazione (quella più ampia) che se la passa male, perché la minuscola striscia di ultrabenestanti anche in tempo di crisi se la passa bene, anzi meglio.

Ribadito questo (mica siamo ciechi/sordi/rinco no?), c'è da ri-dire che le cose non vanno.

 

E la colpa non è delle riforme, dei tentativi di restauro burocratici/istituzionali, degli ottimistici pronostici di Renzi. La colpa è dell'abito. Che non indossiamo.

Voglio dire: se quel gran fighetto un po' ingrigito di Obama (the president, of course) quando ieri si è presentato nel briefing room della Casa Bianca per affrontare le questioni sulla crisi in Ucraina e sull'Isis ha sucitato una marea di critiche e tweteraggi globali solo perché anziché il solito vestito blu o grigio indossava un abito color talpa impanata nella sabbia vuol dire che il nocciolo della questione sta lì. Tra la cravatta e la mutanda.

Cioè: l'abito non farà un presidente, ma di sicuro lo telemanda nello spazio come un satellite con le tiracche (leggi: bretelle).

E allora?

Allora, ho la soluzione (fumata rosa fucsia).

Per contrapporci con charme, appeal, fashion (e quindi credibilità) nei mercati internazionali dobbiamo cambiare stile, cioè abito, cioè governo.

Renzi sarà anche pacioccosissimo e "familiare" e amichevole col suo modo di fare. Ma queste sono doti che vanno bene per un invito a pranzo sotto la pergola. Per confrontarci con i Grandi Ospiti del Mondo abbiamo bisogno d'altro. Accanto al Governo Merkel, al Governo Obama, abbiamo bisogno di un Governo Armani. Un governo griffato. Che faccia tendenza, non solo una piega.

E' questa la soluzione.

Quindi, anziché nella Camera entriamo in un Camerino; anziché nel Senato ormai esautorato entriamo in un Atelier. E usciamo finalmente con classe da questa situazione di stalla (ops: stallo).

Dimenticavo: è una soluzione Made in Italy. Garantita al cento per centro.



Commenta questo articolo


mentre qui si ride e si scherza, c'è gente che si sacrifica con secchiate d'acqua

segnala commento inopportuno

Direttore, un plauso al suo bel modo di esprimersi, forbito elegante e allo stesso tempo sagace, spiritoso, piacevole ma penetrante come un punteruolo nella schiena di qualcuno se quel qualcuno potesse leggere.
D'altra parte noi donne abbiamo quel senso in più che a volte (spesso) cito e porto ad esempio. Non è merito nostro, (ma si dai, solo in parte), il resto è bontà di Madre Natura se ci ha fatte così.
Certo la sensibilità a volte, oltre che a vedere più in là dei nostri amichetti maschi, ci fa star parecchio male, ma, ma nessun paragone, nessun rimpianto, almeno da parte mia.
Arrivo al dunque cara Direttore: anche a lei sta frullando in testa che ci potrà portare fuori da questo pantano solo una donna? Ma una donna, non con la gonna come dice la canzone, ma con gli attributi e la D ( di donna ) maiuscola!!!!!
Saluti

segnala commento inopportuno

Una donna con gli attributi e la D maiuscola?

Cos'è 'sta D? sapevo del punto G...

segnala commento inopportuno

Incredibile, Bastanzetti infesta con trollate anche il blog della Direttrice. Quindi molesta non solo Francesca Salvador, ma anche Emanuela Da Ros, per non parlare di Valentina Piovesan. Spero solo in blog.

segnala commento inopportuno

Leggo i vostri commenti/complimenti e sorrido di compiacimento. Ma piano, perché mi sono appena siliconata le labbra. Scherzo. Ho messo solo un po' di burrocacao e con quello posso sorridere benissimo.
Cara Nuvola azzurra, a dire il vero per me la soluzione (ammesso che ci sia e che sia una) non ha genere. Quindi non punterei su una donna. Non necessariamente. Punterei su qualcuno donna/uomo/tutteedue che abbia il senso dell'umorismo e ovviamente l'altra qualità indispensabile: la generosità. Ma sembra che persone così si tengano alla larga dalla politica.
Prendi l'amico Michele (Bastanzetti) per esempio: lui fa politica su OggiTreviso. Ed è una fortuna (anche) per la...Direttora.

segnala commento inopportuno

Oserei dire che il vero protagonista del Blog è Bastanzetti. Tutto gira intorno a lui. Un mio amico sostiene, in modo ironico, che è pagato dalla Direttora per animare e dare vita al Blog. Spazia a tutto campo. Spesso la butta sul personale che (credo) sia la cosa che più infiamma il lettore. Di Armani o ZTL non interessa nessuno, ma le furibone liti in cui alla fine tutti vanno via offesi sbattendo la porta, danno rilievo e spessore anche alle banalità.

Ha delle preferenze. Alcuni sono intoccabili, mentre con altri è un massacro. E massacra chi pensa di saperla lunga.

segnala commento inopportuno

Secondo ricerche fatte in rete Bastanzetti come consigliere di quartiere di Ceneda e' stato liquidato senza ben servito dall' ex sindaco di Vittorio, Da Re. Ceneda non si e' disperata.
Si e' proposto come sindaco di Vittorio? un pesce d' aprile. Forse il pesce d' aprile e' il totem
E' stato minacciato di morte, ma credo che la politica, almeno in Veneto, non c' entri niente con queste procedure. Chissà per quali motivo le minacce?
E' stato anche minacciato di querela dalla Provincia di Treviso. Poi ritirata, come forse il motivo della possibile querela, ma onestamente non lo so.
Etc.,etc..
In Oggi Treviso mi sembra che Bastanzetti piu' che un commentatore politico sia un troll che molesta le bloggers femminili . Solo nei blogs, spero.
A Bastanzetti sono riconoscente perché spesso corregge l' ortografia e mi permette di chiarire i termini della mia vertenza politico giuridica con senatrice Puppato da lui ritenuta, come d' altra parte Concita De Gregorio, una bellissima donna, da me offesa. Per questo lo difendo da chi come Capitan Nemo lo vorrebbe rinchiuso in manicomio o che si auto applicasse scosse elettriche. Suvvia Capitan Nemo, Bastanzetti e' innocuo ed anche divertente,

segnala commento inopportuno

Ha visto, Graziosissima Direttora, come si è imbufalito lo stalker francescocecchini per i complimenti che lei mi ha fatto? sa...è gelosissimo...se non ci fossimo la Preg.ma On Laura Puppato ed io egli non saprebbe proprio a chi pensare tutto il giorno...

segnala commento inopportuno

Bastanzetti critico la sua attività di trolling in molti blogs di Oggi Treviso. E' comunque un' attività marginale e temporanea.
So che la cosa lo fa innervosire e non sa cosa dire se non tirare in ballo senatrice Puppato dandomi l' opportunita' di chiarire la mia vicenda politico giudiziaria; grato lo faro' anche qui, ringraziando sempre per il suo prezioso lavoro di correttore della mia ortografia.

segnala commento inopportuno

A senatrice Puppato l' accostamento con Bastanzetti sicuramente non piacerà, ma tutto sommato è significativo molti che stimavano Puppato nel lontano 2012 ora sono silenziosi. Però c' è Bastanzetti la cui carriera non è stata così fulminante. Si è fatto sbattere fuori dall'ex sindaco Da Re, si è proposto sindaco di Vittorio solo come pesce d' aprile. Sottolineo che il mio impegno a criticare senatrice Puppato è un impegno che richiede tempo mentre " criticare" Bastanzetti è un divertissement a minuti persi.

SENATRICE PUPPATO E L’ ART. 21 DELLA COSTITUZIONE.
Art. 21 della Costituzione: “Tutti hanno il diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.”
Quando nel marzo del 2013, Laura Puppato lo accusò di essere un piccolo ducetto , Flavio Zanonato, ora deputato al parlamento europeo affermò:
“ Mi sembra giusto che la gente sappia che la Puppato non accetta le critiche e che non è affatto quella che sembra in televisione.”
Sono stato denunciato da Puppato per averla diffamata con calunnie, il processo inizierà il 17 ottobre prossimo.
La mia non è diffamazione personale, ma critica a comportamenti politici della senatrice Puppato, diffusa con i mezzi a disposizione di un cittadino. giornali online, social network, emails etc.,etc.. Ho aumentato la diffusione dopo che Puppato mi ha inviato a casa due volte il comandante dei carabinieri di Montebelluna, Arcidiacono per farmi cambiare idea e dopo la denuncia.
Le mie critiche alla senatrice Puppato riguardano principalmente i seguenti punti:
• La strumentalizzazione partitica dell’evento del Cansiglio il 9 settembre 2012. Puppato si presentò come oratrice unica e capogruppo del PD in Consiglio regionale Veneto. Fatto grave che ruppe l’unità delle forze antifasciste. Allego la mia lettera aperta dell’ anno scorso a Carlo Smuraglia e la sua risposta.
• La sua performance come sindaco di Montebelluna. Tra l’altro fu denunciata al TAR dal WWF locale.
• Quando nel luglio del 2011 il Consiglio Regionale Veneto si è pronunciato a favore della riconversione a carbone della centrale elettrica di Porto Tolle, Puppato capogruppo del PD non si è opposta come hanno fatto altri, per esempio Bertolissi eletto nella stessa lista, ma si è astenuta, facendo passare questo come una critica / atto di accusa alla politica veneta.
• La legge 27/12 che permette al Movimento per la vita di entrare negli ospedali ottenne il voto favorevole da Puppato allora capogruppo del Partito Democratico in Consiglio regionale Veneto ( La commissione Sanità del Consiglio regionale poco tempo fa ha respinto il testo che autorizzava l' ingresso negli ospedali ad associazioni che si occupano di etica e salute. Il Movimento per la vita, innanzitutto. Così torna in giunta il regolamento della legge 27 approvata 2 anni fa. Una grande vittoria delle donne, una sconfitta per Puppato ).
• L’ aver votato in Senato l’abolizione dell’art. 138 della Costituzione, dopo aver partecipato alcuni giorni prima, il 12 ottobre 2013 a Roma ad una manifestazione a sostegno carta costituzionale.
• Il cambiare troppo spesso posizione. Puppattiana durante le primarie del PD del 2012 per ottenere la segreteria del partito e la presidenza del consiglio. Poi, via via, bersaniana, amica dei grillini,civatiana ed ora renziana.
• L’ aver abbandonato per ben due volte il territorio dove era stata eletta, prima di terminare il suo mandato. Prima Montebelluna dove era sindaco,per diventare consigliere regionale veneta, poi il Veneto per diventare senatrice.

Francesco Cecchini 21.06.2014

segnala commento inopportuno

In un commento postato questa mattina sul blog di Francesca Salvador, Michele Bastanzetti accusa alcuni commentatori ed anche la blogger, probabilmente, di essere fiancheggiatori di chi sgozza esseri umani, del terrorismo islamico. E' un' affermazione priva di fondamento, ma grave e pericolosa.

Michele Bastanzetti
03/09/2014 - 7:19
LA BARBARIE TRA DI NOI
I fondamentalisti dell’Isis hanno sgozzato un altro giornalista. Pura,spregevole barbarie. E ciò che lascia vieppiù attoniti è che persino tra di noi, persino in questo blog ci sia gente che fiancheggia questa barbarie.

segnala commento inopportuno

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×