22/09/2017quasi sereno

23/09/2017parz nuvoloso

24/09/2017rovesci e schiarite

22 settembre 2017

Sport

Gp San Marino, vince Marquez.

Motomondiale

Altri Sport

Misano, 10 set. (AdnKronos) - Lo spagnolo Marc Marquez ha vinto il Gran Premio di San Marino di MotoGp sul circuito di Misano beffando all'ultimo giro l'italiano Danilo Petrucci con la Ducati Pramac, giunto secondo, mentre è terza la Ducati ufficiale di Andrea Dovizioso. Solo quarta l'unica Yamaha ufficiale in pista,vista l'assenza di Valentino Rossi, quella di Maverick Vinales partito dalla pole.

Quinto un ottimo Michele Pirro. Uscito di scena a 22 giri dalla fine Jorge Lorenzo quando era in testa. Sulla pista scivolosa per la pioggia lo spagnolo della Ducati è caduto in curva ed è stato costretto al ritiro come anche l'inglese Cal Crutchlow. Con questo successo Marquez sale a 199 punti in classifica mondiale agganciando Dovizioso, mentre Vinales sale a 183 punti e Rossi resta a 157.

Chiudono la top ten sul circuito di Misano Jack Miller sesto, Scott Redding settimo, Alex Rins ottavo, Jonas Folger nono e Bradley Smith decimo. Male la Honda di Dani Pedrosa che perde da subito contatto con la testa della corsa e chiude quattordicesimo. Ancora una gara impegnativa e chiusa con poche soddisfazioni per Andrea Iannone (Suzuki Ecstar). Il pilota di Vasto è protagonista di una breve rimonta dalla settima fila della griglia di partenza ma un ritiro segna la sua prova a San Marino. Domani, lunedì 11 settembre, il team di Hamamatsu resterà sulla pista di Misano per dei test. Cadute per Hector Barbera, Loris Baz (Reale Avintia Racing), due volte a terra, Sam Lowes (Aprilia Racing Team Gresini) e Tito Rabat (EG 0,0 Marc VDS). Prossimo appuntamento il Gp d'Aragona, in programma dal 22 settembre.

MARQUEZ, SONO STATO PAZIENTE - "All'ultimo giro non ero sicuro di vincere perché in condizioni di pioggia non puoi mai saperlo però stavo cercando di controllare il mio passo per tutta la gara. Potevo andare più veloce ma mi sono detto che dovevo essere paziente e quando ho visto che stavamo iniziando a creare un vantaggio nei confronti di Dovizioso, in un primo momento ho pensato di accontentarmi del secondo posto ma poi all'ultimo giro ho pensato che ci dovevo provare perché questo è un campionato molto combattuto e cinque punti possono fare molta differenza alla fine". Marc Marquez spiega così l'evolversi del Gp di San Marino e il sorpasso decisivo su Petrucci nell'ultimo giro che ha consentito allo spagnolo della Honda di vincere il Gp e agganciare Dovizioso in vetta al Mondiale. "Dopo Silverstone questa vittoria è molto importante per me e per il team, dobbiamo continuare a spingere e guidare come stiamo facendo perché questa è la strada giusta", ha concluso Marquez.

DOVIZIOSO, CONTENTO DEL PODIO - "Tutti vogliano sempre cercare di vincere, ero lì ma non mi sentivo molto bene sulla moto e i rischi erano troppo alti. Tutti sono quasi caduti oggi ed era una giornata in cui era importante non commettere errori, sono contento del podio". Così Andrea Dovizioso al termine del Gp di San Marino. Il pilota della Ducati è giunto terzo a Misano ma mantiene la vetta della classifica mondiale anche se in coabitazione con lo spagnolo Marquez a 199 punti. "Non ero mai salito sul podio a Misano, quindi dobbiamo essere contenti di questo, grazie al team, è stato un week-end molto difficile ma siamo lì, abbiamo ottenuto un altro podio in un momento strano e difficile, sono molto contento, per il campionato siamo lì, con lo stesso punteggio di Marquez, quindi il campionato è ancora lungo", ha concluso nel post gara Dovi.

 

Commenta questo articolo


Le società Sportive

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×