24/03/2019sereno

25/03/2019possibile temporale

26/03/2019sereno con veli

24 marzo 2019

Italia

Grano e soia ogm o contaminato spacciato come bio

Maxi sequestro in sei regioni

commenti |

ROMA - Sono 1.500 le tonnellate di soia, mais e grano tenero ucraino falsamente certificati come ''bio'', ma in realtà ad alto contenuto di ogm, sequestrati in diverse regioni d'Italia (Marche, Emilia Romagna, Sardegna, Molise e Abruzzo), dalla Guardia di Finanza di Pesaro e dall'Ispettorato Repressione Frodi (ICQRF) del Ministero delle Politiche Agricole di Roma. Sequestrate anche 16 tonnellate di soia provenienti dall'India contaminate con pesticidi.

Le merci venivano sdoganate a Malta da una societa' gestita da italiani e poi introdotte nel territorio nazionale. Nelle indagini sono finite anche una decina di societa', tra cui quelle moldave ed ucraine che curavano l'approvvigionamento delle granaglie, e gli enti di certificazione ed analisi dei prodotti con sede a Fano e Sassari, di cui dovranno essere accertati ruolo e responsabilita'. Nell'operazione 'Green war' delle fiamme gialle sono indagate 23 persone.

L'indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Pesaro, ha portato a numerose perquisizioni a carico di operatori del settore dei prodotti da agricoltura biologica ''che importavano da Paesi terzi limitrofi all'Ue (Moldavia e Ucraina) granaglie destinate al comparto zootecnico e, in taluni casi, all'alimentazione umana (in particolare, soia, mais, grano tenero e lino) falsamente certificate come ''bio'' ma in realta' non conforme alla normativa comunitaria e nazionale''.

In alcuni casi, spiegano le fiamme gialle, ''le produzioni agricole certificate come biologiche erano di fatto ottenute con elevato contenuto di Organismi geneticamente modificati (Ogm) o contaminate da agenti chimici vietati nell'agricoltura biologica. L'illecito sistema e' stato posto in essere da societa' nazionali, che avevano la gestione finanziaria e il controllo di aziende operanti in Moldavia e Ucraina nonché degli organismi preposti alla certificazione dei prodotti''.

In particolare, le societa', per sottrarsi al sistema di controlli, provvedevano allo sdoganamento delle merci a Malta, presso una societa' gestita da personale italiano, per poi destinarle in Italia. In un'occasione, i prodotti agricoli hanno viaggiato su gomma e sono transitati presso la dogana di Trieste-Fernetti.

(Adnkronos)

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×