22/01/2018parz nuvoloso

23/01/2018sereno

24/01/2018quasi sereno

22 gennaio 2018

Politica

Grasso: "Via le tasse universitarie"

commenti |

"Di alleanze si parlerà dopo il 4 marzosaremo aperti e inclusivi per tutti quelli che la pensano come noi. A chi guardiamo? Io guardo avanti". Lo ha detto il leader di Liberi e Uguali Pietro Grasso, arrivando all’hotel Ergife per l’assemblea nazionale di LeU, interpellato dai giornalisti su una possibile intesa post elettorale con Pd o M5S.

 

Quanto all'eventuale alleanza col governatore uscente del Lazio Nicola Zingaretti, candidato del Pd alle regionali, "sarà oggetto di valutazione. Si tratterà di prendere contatti con la base, che si dovrà esprimere com’è nostro costume, e poi con Zingaretti".

 

"Il pluralismo non può che essere qualcosa che arricchisce, certamente non depotenzia", ha risposto a chi gli faceva notare che all’interno di LeU esistono posizioni discordanti in merito alla possibile intesa con Zingaretti.

 

CODICE ETICO - Poi, durante il suo intervento, Grasso ha spiegato: "Abbiamo voluto inserire un codice etico che non consideri solo l'aspetto giudiziario. Vogliamo portare in Parlamento donne e uomini rispettabili e rispettati".

 

"Ci aspettano alcune settimane di intensissimo lavoro, è solo l'inizio del percorso per cambiare l'Italia - ha rimarcato - La crisi economica ha tolto opportunità ai nostri figli e ai nostri nipoti. I populismi soffiano sulle paure, indeboliscono la nostra comunità e noi abbiamo il coraggio di reagire e porre rimedio. Siamo gli eredi degli uomini e delle donne che 70 anni fa ci liberarono del fascismo".

 

"Siamo pronti a lottare fino in fondo per realizzare i principi della nostra Costituzione - ha scandito - Dobbiamo partire da quel meraviglioso articolo 3: quei valori sono condivisi dalla maggioranza del nostro Paese, pure da Papa Francesco. Devono essere il cuore pulsante del nostro progetto politico".

 

PROPOSTE - "Batteremo il territorio da Nord a Sud per parlare delle nostre proposte per cambiare l'Italia. Faremo proposte serie e concrete a differenza delle irrealizzabili favole degli altri partiti" ha sottolineato Grasso.

 

"Renzi vuole abolire il canone Rai dopo averlo messo in bolletta. Berlusconi ne ha dette troppe in 25 anni, non riesco a pensare alla più clamorosa. Salvini se la prende con lo ius soli negando la cittadinanza a ragazzi che per noi sono già italiani. I 5 stelle cambiano idea in base alla convenienza del momento. Noi - ha aggiunto - siamo l'unica alternativa credibile".

 

"Aboliamo le tasse universitarie" è la proposta lanciata da Grasso durante l'assemblea nazionale di Liberi e Uguali. "Avere una università gratuita significa credere davvero nei giovani con fatti concreti, ne beneficerà tutto il Paese. Significa allargare il nostro orizzonte e rendere l'Italia più competitiva", ha aggiunto il leader di LeU.

 

Mentre sul fronte del lavoro, occorre "far tornare prevalenti i contratti a tempo indeterminato", reintroducendo "le garanzie eliminate dal Jobs Act. Altri aboliscono le tasse, noi aboliamo il precariato".

 

A margine dell’assemblea nazionale del movimento Grasso ha poi replicato a chi, criticando la proposta di abolire le tasse universitarie per tutti, ha accusato Liberi e Uguali di tradire il principio di progressività fiscale. "I figli dei ricchi che vanno nelle università private dovranno pagare anche per i figli dei poveri" ha detto. La copertura "si carica sui sussidi alle aziende e attività che inquinano, non sulla fiscalità generale", ha poi aggiunto.

 

BERSANI - Arrivando all’assemblea di Liberi e Uguali Pier Luigi Bersani ha evidenziato che le priorità in tema di economia per LeU sono "gli investimenti per dare lavoro, basta bonus" e "ridurre la giungla dei contratti precari". "Senza queste cose non facciamo niente con nessuno. Se ci sono queste due cose, più una roba sul fisco, il tema del welfare e la salute, allora noi parliamo con tutti tranne la destra" ha messo in chiaro.

 

"Posto che con la destra non ci andremo mai, a cominciare dalle forze del centrosinistra noi siamo pronti a discutere ma a queste condizioni, sennò vadano dove li porta il cuore", ha aggiunto l’ex segretario dem.

 

BOLDRINI - "Vogliamo riportare al voto le persone deluse da quella sinistra che ha smesso di essere sinistra, che si è persa per strada. Recuperare i voti di chi non crede più nella politica" ha affermato Laura Boldrini nel corso del suo intervento.

 

"Il primo partito è quello delle schede bianche ma a sbagliare è stato chi con la propria politica ha deluso quelle persone. Persone spinte tra le braccia del populismo, una protesta miope, anacronistica e pericolosa. Non abbiamo bisogno di odio ma di buona politica. Una politica - ha rimarcato Boldrini - capace di combattere il male più profondo, quello delle diseguaglianze".

 

"Noi non faremo una campagna 'contro' perché non funzionerebbe e faremmo un torto a noi stessi se pensassimo che basta parlare male degli altri per avere consenso" ha poi spiegato, evidenziando che "il programma non è un elenco indistinto di cose da fare ma l'identità di una forza politica. Di promesse campate in aria ce ne sono tante ma italiani non sono sprovveduti e sanno capire la differenza tra chi la spara grossa e chi cerca voti ma per realizzare qualcosa di concreto".

 

Poi lo ius soli. "La legislatura si è conclusa con un grande tradimento, il tramonto della legge sulla cittadinanza - ha scandito Boldrini - Sono stati traditi 800mila ragazzi e ragazze che ci avevano creduto perché glielo avevano promesso", ragazzi che "sono italiani a tutti gli effetti". Secondo la presidente della Camera "ha avuto la meglio una sconcertante subalternità politica: inseguire la destra sul proprio terreno vuol dire rafforzarla, è stata una decisione miope".

 

Boldrini ha parlato anche di internet. "Penso che una forza progressista debba far proprio anche il tema dei diritti in internet. Penso - ha affermato - al diritto di accesso alla rete per tutti; alla riduzione del divario digitale, alla tutela dei dati personali; al diritto alla tutela della propria identità".

 

CHI NON PUO' ESSERE CANDIDATO - "Ai fini della più ampia partecipazione e del rinnovamento della politica, Liberi e Uguali nei giorni 8 e 9 gennaio organizza assemblee aperte ai cittadini per la selezione delle candidature al Parlamento nazionale per le elezioni politiche del 2018". Lo ha annunciato Rossella Muroni nella sua relazione durante l'assemblea nazionale di LeU.

 

"Non possono essere candidati: coloro che ricoprono incarichi elettivi incompatibili col mandato parlamentare, salvo limitate e motivate eccezioni; coloro che hanno ricoperto la carica di parlamentare nazionale per la durata di due legislature complete, salvo un numero limitato e motivato di deroghe", ha sottolineato Muroni. Non possono essere candidati ad ogni tipo di elezione "coloro nei cui confronti, al momento della selezione delle candidature e fino all’accettazione della stessa, sia stato emesso: per reati di mafia, terrorismo, criminalità organizzata, contro la libertà̀ personale e individuale: a) decreto che dispone il giudizio; b) misura cautelare personale confermata in sede di impugnazione; c) misure di prevenzione personali o patrimoniali, ancorché́ non definitive, previste dal Codice antimafia; d) sentenza di condanna, ancorché́ non definitiva, o di applicazione della pena su richiesta delle parti ai sensi dell’art. 444 C.P.P.". Stesso discorso per i delitti "per cui sia previsto l’arresto obbligatorio in flagranza; delitti contro l’incolumità pubblica Capo I e II; delitti contro l’ambiente; delitti contro la libertà̀ sessuale; peculato, concussione, corruzione in tutte le forme previste: a) sentenza di condanna, ancorché́ non definitiva, o di applicazione della pena su richiesta delle parti ai sensi dell’art. 444 C.P.P.".

 

"Nel comporre le liste, per perseguire quanto previsto nel primo capoverso, si metteranno in atto un numero limitato di pluricandidature. Le liste saranno approvate dalla presidenza dell’assemblea entro il 22 gennaio, tenendo conto delle rose di candidature emerse dalle assemblee regionali di Liberi e Uguali", ha concluso Muroni.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.927

Anno XXXVII n° 1 / 18 gennaio 2018

LUDOVICO GIRARDELLO

Il giovanissimo attore vittoriese - protagonista de “Il ragazzo invisibile. Seconda generazione” di Gabriele Salvatores - racconta qualcosa di sè. Della città in cui vive (definita da Mymovies “piccolo paesino in provincia di Treviso”). Delle sue passioni. Omettendo (vedi la classe?) nome e cognome della fidanzata

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×