14/08/2018possibile temporale

15/08/2018sereno con veli

16/08/2018quasi sereno

14 agosto 2018

Vittorio Veneto

Grossi massi a rischio crollo sul Monte Altare: "Situazione preoccupante"

Il sopralluogo e le foto del consigliere Posocco. La prima caduta era stata registrata a maggio

Roberto Silvestrin | commenti |

VITTORIO VENETO - Ancora massi a rischio crollo sulla cima del Monte Altare. A segnalarlo è il consigliere leghista Gianluca Posocco, che in questi giorni ha effettuato un sopralluogo sulla parte alta del monte. Nel maggio scorso, proprio da quel punto, si era staccato un grosso sasso – da diverse tonnellate di peso -, che aveva terminato la propria corsa in una tenuta agricola in borgo Posoccon, senza causare fortunatamente feriti.

 

 

Quel pezzo di roccia teneva però fermi altri massi, in tutto quattro, di notevoli dimensioni: ora, perso l’appoggio, questi rischiano di rotolare giù a valle. “E’ una situazione preoccupante – ha commentato Posocco – Alcuni massi si sono spostati di circa 30 centimetri. Parlerò con il sindaco, bisogna farli rotolare giù in modo controllato”. Dopo la caduta di maggio i tecnici e gli operai del comune avevano effettuato un sopralluogo e una bonifica, che però avevano riguardato, più che altro, la parte bassa del Monte Altare.

 

 

Ma la situazione peggiore riguarda il punto più alto, quello del distacco. Il pericolo riguarda soprattuto il fatto che, cadendo, i massi tagliano il sentiero di Santa Rita, percorso da escursionisti, cittadini e ciclisti in gran numero. Ed ora si avvicina anche l’autunno, che con le sue precipitazioni potrebbe complicare le cose: l’erosione e l’infiltrazione dell’acqua piovana potrebbe infatti determinare il crollo definitivo degli altri massi.

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×